Usa: coprifuoco e proteste, sembra la fine del mondo

Usa: coprifuoco e proteste, sembra la fine del mondo

Proteste in America

Per il quinto giorno consecutivo, in diverse città degli Stati Uniti sono scoppiate manifestazioni in seguito alla morte violenta di un afroamericano durante un’operazione di polizia.
“Non riesco a respirare”, urlava, “Non riesco a respirare”. Queste sono state le parole di George Floyd, un uomo disarmato, che lunedì è stato tenuto a terra per minuti da un poliziotto con il ginocchio al collo a Minneapolis. Il 46enne è morto poco dopo in ospedale.

Da allora, le manifestazioni contro il razzismo e la violenza della polizia si stanno espandendo negli Stati Uniti. In alcune città è stato imposto il coprifuoco.

Proiettili di gas lacrimogeni e di plastica

Usa: coprifuoco e proteste, sembra la fine del mondo
Usa: coprifuoco e proteste, sembra la fine del mondo


Anche sabato i raduni sono iniziati in modo pacifico. I dimostranti hanno bloccato le strade. Alcuni hanno acceso dei fuochi. Ci sono stati scontri con la polizia, alcuni dei quali hanno usato gas lacrimogeni e proiettili di plastica.

Nella capitale – Washington – centinaia di persone hanno manifestato nei pressi del Dipartimento di Giustizia. Molti si sono poi trasferiti alla Casa Bianca. Numerosi agenti di polizia hanno sigillato l’ufficio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump – dotato di scudi protettivi e alcuni a cavallo. Trump ha dichiarato sabato che se i manifestanti che si erano riuniti la sera prima in piazza Lafayette, di fronte alla Casa Bianca, avessero attraversato la recinzione per raggiungere la residenza ufficiale, “sarebbero stati accolti dai cani più feroci e dalle armi più minacciose che abbia mai visto”. Nella capitale, un dimostrante di colore portava un cartello che diceva: “Sono il prossimo? Le immagini televisive di Washington hanno mostrato un edificio in fiamme nel centro di Washington. “Questo è un paese nel caos”, ha detto un giornalista della CNN.

“La crisi del coronavirus aumenta la frustrazione

Le proteste contro il razzismo in rapida crescita coincidono con una profonda frustrazione per i limiti nella lotta contro il virus corona e la crisi economica causata dalla pandemia. In un momento surreale a Miami, nello stesso momento, si sono potute sentire le sirene delle auto della polizia che lampeggiano con luci blu per attaccare i manifestanti e i fuochi d’artificio in onore delle infermiere che lavorano instancabilmente contro il coronavirus . Centinaia di agenti di polizia si sono radunati e hanno minacciato di arrestare chiunque avesse osato scendere in strada. Questo vale anche per i giornalisti.

Coprifuoco in molte città

Il coprifuoco è stato imposto in diverse grandi città che sono state teatro di proteste negli ultimi giorni, tra cui Atlanta, Los Angeles, Philadelphia, Denver, Cincinnati, Portland/Oregon e Louisville nello stato del Kentucky. Ci sono stati raduni a Dallas, Chicago, Seattle, Salt Lake City, Cleveland e altrove. Secondo la polizia, ci sono state “grandi e violente proteste” nel centro di Los Angeles. I dimostranti non hanno rispettato il coprifuoco. Le immagini televisive mostravano i negozi che venivano saccheggiati. Solo a Los Angeles, secondo la dichiarazione di sabato, più di 500 persone sono state arrestate in seguito alle proteste per la morte di Floyd. Gli arresti sono stati effettuati anche in altre città.

A Minneapolis, le strade erano per lo più tranquille durante il giorno.
La Guardia Nazionale ha pattugliato la città con veicoli blindati. In seguito, le autorità hanno chiuso diverse autostrade nell’area metropolitana, che formano le due principali città di Minneapolis e Saint Paul nello stato del Minnesota. Al crepuscolo, circa mezz’ora dopo l’inizio del coprifuoco, una catena di polizia è avanzata fino a una località di Minneapolis dove circa 500 manifestanti si erano riuniti vicino a una banca bruciata. La polizia ha usato gas lacrimogeni, spray al pepe e proiettili di plastica per disperdere la folla.

Le controversie con la polizia

A Chicago, migliaia di persone hanno manifestato per il secondo giorno di fila, e in alcuni casi c’è stata una rissa tra dimostranti e polizia. Nel distretto di Brooklyn di New York, dove venerdì sono state arrestate 200 persone, un’auto della polizia si è schiantata contro un gruppo di manifestanti. Questo è stato mostrato in un video di un testimone oculare.

Trump accusa gli “anarchici di sinistra”.

Il presidente Trump ha accusato i “saccheggiatori e gli anarchici” di sinistra per la violenza. Non permetterebbe “a un piccolo gruppo di criminali e vandali di distruggere le nostre città e ridurre le nostre comunità in macerie”, ha detto. “Il mio governo fermerà la violenza della mafia. E noi lo fermeremo”. Nel frattempo, il procuratore generale Bill Barr ha detto in un discorso televisivo che “elementi radicali violenti” hanno approfittato delle proteste inizialmente pacifiche dopo la morte di Floyd. Sembra che in molti luoghi la violenza sia stata “pianificata, organizzata e guidata da gruppi estremisti anarchici e di sinistra”. Non ha fornito alcuna prova neanche di questo.

Le gang della droga e la supremazia dei bianchi

E il governatore del Minnesota, in cui si trova Minneapolis, Tim Walz, al contrario, ha dichiarato, in riferimento alle indagini, che la violenza competerà con la violenza

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *