Home politica Tensioni Italia-Francia, Parigi richiama l’ambasciatore a Roma

Tensioni Italia-Francia, Parigi richiama l’ambasciatore a Roma

by admin
0 comment

Il Quai d’Orsay parla di “attacchi senza precedenti dalla fine della guerra e senza fondamento” e “dichiarazioni oltraggiose” dell’esecutivo italiano. “L’Italia agisca per ritrovare amicizia e rispetto”, l’appello francese. Salvini: “Non siamo interessati a polemiche”

La Francia richiama a Parigi l’ambasciatore a Roma Christian Masset per consultazioni. Ad annunciarlo una nota durissima del ministero degli Esteri francese, che parla di “attacchi senza precedenti dalla fine della guerra e senza fondamento” e “dichiarazioni oltraggiose” da parte del governo italiano. Il vicepremier italiano Matteo Salvini replica: “Non vogliamo litigare con nessuno, non siamo interessati alle polemiche. Disponibilissimi a sederci a un tavolo con Macron”. La decisione di Parigi arriva dopo settimane di tensioni con l’Italia, dalle accuse di interferenza negli affari francesi per i rapporti con i gilet gialli (dopo l’aperto sostegno di Di Maio al movimento), al tema dei migranti e dei respingimenti, fino alla polemica del Movimento 5 stelle sul franco Cfa, definito da Di Maio il “franco delle colonie” con cui Parigi “impoverisce” l’Africa. L’ultimo episodio che ha creato polemiche è l’incontro tra il vicepremier Di Maio e l’esponente M5s Di Battista con Cristophe Chalençon, uno dei leader dei gilet gialli. Un tentativo di stabilire un’alleanza con un movimento, quello dei gilet gialli, che contesta duramente il presidente francese Macron.

“Le ultime ingerenze una provocazione inaccettabile”
E il comunicato del ministero degli Esteri francese prosegue proprio su quelle che Parigi considera interferenze nella sua politica interna: “Essere in disaccordo è una cosa, strumentalizzare la relazione a fini elettorali è un’altra. Le ultime ingerenze costituiscono una provocazione supplementare e inaccettabile – attacca il Quai d’Orsay -. Violano il rispetto dovuto alle scelte democratiche, fatte da un popolo amico e alleato. Violano il rispetto che si devono tra loro i governi democraticamente e liberamente eletti”.

Parigi: “L’Italia agisca per ritrovare amicizia e rispetto”
La nota del ministero degli Esteri francese si conclude con un appello: “L’Italia agisca per ritrovare la relazione di amicizia e rispetto reciproco, all’altezza della nostra storia e del nostro destino comune”, si legge nel comunicato. “La campagna per le elezioni europee non può giustificare l’assenza di rispetto per i popoli e la loro democrazia”.

Salvini: “Non siamo interessati a polemiche, disponibili a incontrare Macron”
Alla decisione francese risponde Salvini: “Non siamo interessati alle polemiche: siamo persone concrete e difendiamo gli interessi degli italiani”, afferma il vicepremier. “Disponibilissimi a incontrare il presidente Macron e il governo francese, sederci a un tavolo e affrontare, per quanto riguarda le mie competenze, tre questioni fondamentali. Stop con i respingimenti, stop con i terroristi italiani in Francia e basta danneggiare i nostro i nostri lavoratori pendolari che sono letteralmente vessati ogni giorno alle frontiere francesi da controlli che durano ore”, conclude il ministro dell’Interno.

Loading...

tg24.sky.it

Leggi Anche

Leave a Comment