solstizio d’estate e d’inverno

0

Che cos’è il solstizio d’estate e il solstizio d’inverno? Ecco tutto quello che dovete sapere

In questo articolo, parleremo del Solstizio d’estate e d’inverno, Una volta all’anno, un allineamento astronomico annuncia l’arrivo di questo cambiamento stagionale. Il solstizio d’estate, come anche quello d’inverno, è celebrato in tutto il mondo ed è circondato da miti.

Quest’anno, il solstizio d’estate settentrionale ha avuto luogo il 20 giugno alle 5.32 del mattino ora peninsulare. A sud dell’equatore, questo stesso momento segna l’arrivo non ufficiale dell’inverno. I solstizi si verificano alla stessa ora in tutto il mondo, ma i loro tempi locali variano.

Il solstizio d’inverno dell’emisfero nord avrà luogo il 21 dicembre alle 10:02 UTC (11:02 ora peninsulare spagnola). A sud dell’equatore, questo periodo segna l’inizio dell’estate. I solstizi si verificano alla stessa ora in tutto il mondo, ma i loro tempi locali variano a seconda del fuso orario.

Tradizionalmente, i solstizi d’inverno e d’estate segnano il cambiamento delle stagioni insieme agli equinozi di primavera e d’estate. Oggi, tuttavia, i meteorologi usano ufficialmente le registrazioni di temperatura per tracciare i confini tra le stagioni. Cosa sono esattamente i solstizi e come sono stati celebrati nel corso della storia?

Cosa sono i solstizi?

I solstizi si verificano perché l’asse di rotazione della Terra è inclinato di 23,4 gradi rispetto all’orbita terrestre intorno al Sole. Questa inclinazione causa le stagioni del nostro pianeta, poiché gli emisferi settentrionale e meridionale ricevono quantità ineguali di luce solare nel corso di un anno.


Da marzo a settembre, l’emisfero nord è più inclinato verso il Sole, con conseguente primavera ed estate. Da settembre a marzo, l’emisfero nord è più lontano, quindi l’autunno e l’inverno. Nell’emisfero sud, le stagioni sono invertite.

In due momenti ogni anno – i cosiddetti solstizi – l’asse terrestre è più inclinato verso il Sole. L’emisfero più inclinato verso la nostra stella vive il suo giorno più lungo, mentre l’emisfero più lontano vive la sua notte più lunga. Durante il solstizio d’estate dell’emisfero nord – che cade sempre intorno al 21 giugno – l’emisfero sud attraversa il suo solstizio d’inverno. Allo stesso modo, durante il solstizio d’inverno dell’emisfero nord – che si verifica intorno al 22 dicembre – l’emisfero sud passa attraverso il solstizio d’estate.

Si può anche pensare ai solstizi in termini di dove il Sole appare sulla Terra. Quando è il solstizio d’estate nell’emisfero nord, il Sole appare direttamente sopra il tropico del Cancro, la linea di latitudine a 23,5 gradi nord (è il punto più a nord a cui si può arrivare e vedere ancora il Sole direttamente sopra la testa).

Durante il solstizio d’inverno dell’emisfero nord, il Sole appare direttamente sul Tropico del Capricorno, a sud dell’equatore.

La Terra non è l’unico pianeta con solstizi ed equinozi; qualsiasi pianeta con un asse rotante li ha. Infatti, gli scienziati planetari usano i solstizi e gli equinozi per definire le “stagioni” degli altri pianeti del nostro sistema solare.

Va notato, tuttavia, che le stagioni degli altri pianeti non sono climaticamente equivalenti a quelle della Terra per diverse ragioni. In primo luogo, le inclinazioni assiali degli altri pianeti sono diverse: l’asse di rotazione di Venere è inclinato di soli tre gradi, quindi c’è molta meno differenza stagionale tra i solstizi estivi e invernali su Venere che sulla Terra. Inoltre, pianeti come Marte hanno orbite meno circolari della Terra, il che significa che le loro distanze dal Sole variano più drammaticamente delle nostre, con effetti proporzionalmente maggiori sulla temperatura stagionale.

L’inclinazione assiale della Terra gioca un ruolo molto più importante della sua orbita quasi circolare nel governare le stagioni annuali. La Terra fa il suo massimo avvicinamento annuale al Sole quasi due settimane dopo il solstizio di dicembre, durante l’inverno dell’emisfero nord. La Terra è più lontana dal Sole quasi due settimane dopo il solstizio di giugno, durante l’estate dell’emisfero nord.

Solstizio D'estate E D'inverno
Solstizio D’estate E D’inverno

Il solstizio nella storia

Per millenni, le culture di tutto il mondo hanno escogitato modi per celebrare e venerare questi fenomeni celesti, dalla costruzione di strutture che si allineano con il solstizio all’organizzazione di rauchi festival in loro onore.

Anche se lo scopo dell’enigmatica struttura inglese di Stonehenge è sconosciuto, questo monumento di 5000 anni ha un rapporto speciale con i solstizi. Al solstizio d’estate, la Pietra del Tacco del complesso, che si trova all’esterno del cerchio di pietre, si allinea con il sole nascente.

In Egitto, anche le Grandi Piramidi di Giza sembrano essere allineate con il sole. Visto dalla Sfinge, il sole tramonta tra le piramidi di Cheope e Chefren durante il solstizio d’estate, anche se non si sa come gli antichi egizi riuscissero a orientarle in questo modo.

Molte culture hanno scoperto modi unici di celebrare il solstizio d’estate. La tradizionale festa scandinava di mezza estate la accoglie con danze, bevute e romanticismo. Durante la festa slava di Ivan Kupala, la gente indossa corone e danza intorno ai falò, mentre i coraggiosi saltano sui falò per assicurarsi fortuna e salute. In una tradizione più moderna, gli abitanti di Fairbanks, Alaska, celebrano il solstizio d’estate con una partita di baseball notturna per festeggiare di avere fino a 22,5 ore di luce in estate. Il Midnight Sun Game è stato giocato 115 volte dal 1906.

Si celebra anche il solstizio d’inverno. Il 24 giugno, in tempo per il solstizio d’inverno dell’emisfero meridionale, l’impero Inca celebrava Inti Raymi, una festa che commemorava il potente dio del sole della religione Inca, Inti, e celebrava il nuovo anno Inca.

La festa è ancora celebrata nelle Ande e dal 1944 una rievocazione dell’Inti Raymi viene messa in scena a Cuzco, in Perù, a soli tre chilometri dalla casa dell’impero Inca.

Gli antichi romani celebravano il solstizio d’inverno con i Saturnalia, una festa di sette giorni in cui ci si scambiava regali, si decoravano le case con piante e si accendevano candele. E gli iraniani festeggiano Yalda a dicembre. Il festival – un pilastro da quando lo zoroastrismo era la religione dominante in Iran – onora la nascita di Mitra, l’antica dea persiana della luce.


Se i solstizi segnano i giorni con più e meno luce dell’anno, perché le temperature non riflettono questo? In breve, è perché la terra e l’acqua hanno bisogno di tempo per riscaldarsi e raffreddarsi.

Alcuni credono anche che, poiché la rotazione terrestre sta rallentando, ogni nuovo solstizio stabilisce un nuovo record di lunghezza del giorno, ma questo non è vero.

È vero che la rotazione della Terra ha rallentato nel corso di miliardi di anni, poiché la Terra ha perso momento angolare a causa delle maree del nostro pianeta. Le linee di crescita dei coralli fossili mostrano che più di 400 milioni di anni fa, i giorni sulla Terra duravano meno di 22 ore.

Ma il graduale rallentamento della Terra non è l’unico fattore coinvolto. Immaginate un pattinatore sul ghiaccio che gira sui pattini; può accelerare o rallentare le sue rotazioni a seconda di quanto solleva gli arti. Allo stesso modo, i cambiamenti nella distribuzione della massa terrestre – dai venti di El Niño allo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia – possono modificare sottilmente la velocità di rotazione del nostro pianeta.

Con questo in mente, si pensa che il giorno più lungo dal 1910 sia avvenuto nel 1912. È durato meno di quattro millisecondi più della media recente.

A cura di Essere Informati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.