Se sai fare questo con le mani potresti avere la sindrome di Marfan

La sindrome di Marfan è un disordine del tessuto connettivo che si traduce in un’eccessiva mobilità articolare e nella presenza di tessuti più elastici e fragili rispetto alla norma. Uno dei segni di chi ne è affetto è il cosiddetto “segno delle mani e del polso”, ovvero la capacità di realizzare movimenti che altri non riuscirebbero a compiere.

Molto spesso non comporta gravi implicazioni, ma a seconda dello stile di vita della persona può rivelarsi importante diagnosticarla per evitare possibili conseguenze spiacevoli. Ecco alcuni dettagli a cui prestare attenzione.

NB. Questo documento NON SOSTITUISCE ASSOLUTAMENTE IL MEDICO né intende in alcun modo proporre delle DIAGNOSI o delle TERAPIE. Si invitano pertanto tutti i visitatori a fare riferimento SEMPRE e COMUNQUE ad uno specialista.

sindrome di Marfan
sindrome di Marfan

soggetti affetti da sindrome di Marfan manifestano:

– Aracnodattilia;
– Un’accentuata mobilità articolare: si riescono ad effettuare movimenti che altri avrebbero difficoltà a riprodurre;
– Perdita di integrità di alcuni tessuti che risultano più fragili del normale; ciò può causare problematiche ad ogni livello dell’organismo, soprattutto a livello cardiocircolatorio;
– Altezza pronunciata (non tutte le persone alte sono Marfan, ma bisogna associazione l’altezza ad altri elementi);
– Magrezza e arti snelli;
– Articolazioni morbide e lassità legamentosa;
– Piedi piatti;
– Lussazione del cristallino e/o miopia;
– Aneurisma aorta e/o prolasso delle valvole cardiache;
– Palato stretto e/o viso allungato;
– Scoliosi, cifosi o lordosi;
– Petto carenato o escavato;
– Pneumotorace;
– Ernie.

Ma non significa che ogni paziente svilupperà tutte le situazioni descritte. Alcune volte sono presenti solo alcuni dei sintomi. In ogni caso, qualora i segni fossero visibili, solo un test genetico può confermare la presenza della mutazione genetica. Pertanto è necessario recarsi in uno dei Centri Marfan in Italia per una corretta diagnosi; su www.marfan.info si trova l’elenco aggiornato.

La malattia a volte può apparire asintomatica. Il pericolo più grande è però a livello cardiaco: se non diagnosticata in tempo, infatti, si può andare incontro ad una aneurisma e rottura dell’aorta dovuta alla fragilità dei tessuti vascolari e le conseguenze sono chiaramente gravi.
Pensate ad un ragazzo che inizia a giocare a basket o pallavolo in modo agonistico perché è alto ma non sa di avere un’aorta fragile!
Purtroppo spesso l’appartato cardiocircolatorio non viene monitorato periodicamente come si dovrebbe (basta un semplicissimo esame come l’ecocardio a metterci al corrente della situazione).

Una curiosità

Paganini diventò un musicista famoso perché pare fosse affetto da un disordine del tessuto connettivo e quindi le sue dita flessibili gli permisero dei virtuosismi che altrimenti non sarebbe mai riuscito a riprodurre. Nel suo caso la malattia fu un vantaggio!
Si dice che altri affetti dalla Sindrome di Marfan fossero: Abramo Lincoln, Charles de Gaulle e Osama Bin Laden.

La Sindrome di Marfan non prevede una cura ma solo tanta prevenzione. Diffondere l’informazione, anche condividendo questo post, è la sola strada percorribile al momento.

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *