Scienziati: il Covid-19 non è una pandemia, ma una sindemia

0

Molti scienziati sono convinti che il Covid-19 non è una pandemia

Negli ultimi mesi le misure per prevenire la diffusione del Covid-19 sono state rese più flessibili in diverse parti del mondo a seconda dell’aumento o della diminuzione dei casi.

Mentre molti paesi in Europa stanno applicando nuove restrizioni costringendo le quarantene dopo aver registrato un nuovo aumento di casi, la Nuova Zelanda, ad esempio, ha allentato la presa.

Tuttavia, questa strategia per affrontare il coronavirus, secondo l’opinione di molti scienziati, è considerata troppo limitata per evitare la diffusione del virus.

«All’avvicinarsi della quota di un milione di morti nel mondo, dobbiamo ammettere di aver adottato un approccio troppo limitato per gestire questa epidemia». ha scritto Richard Horton, redattore capo della prestigiosa rivista scientifica The Lancet .

« Abbiamo ridotto questa crisi a una mera malattia infettiva. Tutti i nostri interventi si sono concentrati sul taglio delle linee di trasmissione virale. La “scienza” che ha guidato i governi è composta soprattutto da epidemiologi e specialisti di malattie infettive, che comprensibilmente inquadrano l’attuale emergenza sanitaria in termini di peste secolare. Ma ciò che abbiamo imparato finora ci dice che la storia non è così semplice. Covid-19 non è una pandemia. È una sindemia».

Scienziati: il Covid-19 non è una pandemia, ma una sindemia
Scienziati: il Covid-19 non è una pandemia, ma una sindemia

«Ci sono due categorie di malattie in circolazione al momento: insieme al Covid-19, abbiamo una serie di patologie croniche non trasmissibili (MNT). Entrambe colpiscono determinati gruppi e settori della società»

“L’impatto di questa interazione è facilitato anche dalle condizioni sociali e ambientali che in qualche modo uniscono queste due malattie o rendono la popolazione più vulnerabile al loro impatto”

Cos’è una sindemia?

A differenza della pandemia, che indica il diffondersi di un agente infettivo in grado di colpire più o meno indistintamente il corpo umano con la stessa rapidità e gravità ovunque, la sindemia implica una relazione tra più malattie e condizioni ambientali o socio-economiche. L’interagire tra queste patologie e situazioni rafforza e aggrava ciascuna di esse. Questo nuovo approccio alla salute pubblica è stato elaborato da Merril Singer nel 1990 e fatto proprio da molti scienziati negli ultimi anni. Consente di studiare al meglio l’evoluzione e il diffondersi di malattie lungo un contesto sociale, politico e storico, in modo di evitare l’analisi di una malattia senza considerare il contesto in cui si diffonde. In pratica, chi vive in una zona a basso reddito o altamente inquinata, corre un maggior rischio di contrarre tumori, diabete, obesità o un’altra malattia cronica

Nel caso del covid-19, “vediamo come interagisce con una varietà di condizioni preesistenti – diabete, cancro, problemi cardiaci e molti altri fattori – e vediamo un tasso sproporzionato di esiti avversi nelle comunità povere, a basso reddito e delle minoranze etniche “

Per gli scienziati dovremmo Cambiare prospettiva

Siamo di fronte a un fenomeno epocale, che non è il virus, o meglio, non da solo. Il coronavirus ha dato il “colpo di grazia” a un trend già segnato. Nel 2019, la stessa The Lancet, avvertiva: obesità, inquinamento e cambiamento climatico stanno cominciando a interagire tra loro e questa interazione costituisce una nuova minaccia per la salute globale. «Il cambiamento climatico e gli eventi meteorologici estremi provocheranno ulteriore malnutrizione e insicurezza alimentare. Il fenomeno potrà influire sui prezzi, soprattutto di frutta e verdura. Aumenterebbe così il consumo di alimenti industriali», certamente poco salutari e quindi pericolosi per la salute pubblica.

«La conseguenza più importante di inquadrare Covid-19 come una sindemia è sottolineare le sue origini sociali».

«A meno che i governi non riconoscano questi problemi ed elaborino politiche e programmi per invertire le profonde disparità, le nostre società non saranno mai veramente al sicuro da Covid-19» .

«La vulnerabilità dei cittadini più anziani, delle comunità nere, asiatiche e delle minoranze etniche, e dei lavoratori di servizi essenziali mal pagati e senza protezioni sociali, mostra una verità finora appena riconosciuta: non importa quanto efficace sia la protezione fornita da un vaccino o da un farmaco. Una soluzione puramente biomedica al Covid-19 fallirà»

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.