Home ultimi articoli Roma, Atac inserisce i tornelli nei bus: Adesso sarà impossibile entrare senza biglietto

Roma, Atac inserisce i tornelli nei bus: Adesso sarà impossibile entrare senza biglietto

by admin
1 comment

Roma, Atac inserisce i tornelli nei bus: Adesso sarà impossibile entrare senza biglietto

Tornelli in entrata sugli autobus di Roma e ingresso solo dalla porta anteriore. La Capitale prova a sperimentare il “modello Londra”, nel tentativo di abbattere il tasso di evasione sui mezzi di superficie, che viaggia intorno al 40%. Per farlo, Atac ha messo in strada da due settimane una vettura con un tornello in entrata, prima sulla linea periferica 669, poi sulla “navetta” 51 e, da lunedì, sulla centralissima linea 62, che dalla Stazione Tiburtina porta fino a Castel Sant’Angelo, attraversando tutti i luoghi simbolo del Centro storico capitolino. L’annuncio è arrivato direttamente dall’assessora alla Mobilità, Linda Meleo: “In sintesi – ha spiegato – grazie a questa novità, introdotta da Atac, chi non ha il biglietto non può salire a bordo. Questo significa controlli intensificati e costanti”.

Roma, Atac inserisce i tornelli nei bus: Adesso sarà impossibile entrare senza biglietto

Va specificato che solo una delle vetture impegnate sulla linea sarà dotata di tornello, mentre le altre viaggeranno come al solito. Una precisazione necessaria a far comprendere la natura ancora sperimentale della soluzione. Che funziona in questo modo: ad ogni fermata, il conducente apre prima la porta anteriore, attende l’ingresso dei passeggeri, poi apre la porta posteriore e lascia scendere chi aveva prenotato la fermata. A differenza della metropoli inglese, le due azioni non possono avvenire contemporaneamente (almeno non ancora) per una questione di “educazione” al nuovo sistema.

Al termine dell’esperimento, previsto per i primi di luglio, Atac e Roma Servizi per la Mobilità dovranno essere in grado di capire non tanto se l’introduzione del tornello abbia azzerato l’evasione su quella singola vettura – lo si dà per scontato, visto che a bordo ci sarà, fissa, anche una squadra di controllori – bensì se la procedura non rallenti eccessivamente la marcia punto a punto dell’autobus. In effetti, nonostante la novità – a leggere le reazioni sui social – sia stata accolta positivamente dalla cittadinanza, i problemi non stanno mancando. “Sulla linea 51 – racconta Carlo Andrea Tortorelli, blogger – è capitato spesso che la vettura partita dopo abbia via via raggiunto e superato quella con i tornelli, lasciando questa vuota, purtroppo anche a causa della presenza dei controllori. Probabilmente, la stessa cosa non accadrà con il 62, che ha una frequenza di gran lunga inferiore. Ma è un tema con cui bisognerà fare i conti”.

Dall’assessorato capitolino spiegano che “le difficoltà iniziali erano attese” e che “fa parte della sperimentazione anche l’introduzione di abitudini diverse, sia per i passeggeri quanto per gli autisti”. In quanto alla scelta di dotarsi, per ora, di un solo tornello su una sola vettura, sta “nella fase embrionaledell’esperimento”. È ovvio, pertanto “che se i segnali saranno positivi si andrà avanti facendo una gara e tutte le procedure di evidenza pubblica del caso per acquistare i tornelli e metterli via via su tutte le altre vetture”.

Loading...

Il dato ufficiale sull’evasione tariffaria non esiste, nel senso che Atac non lo diffonde. Da quello che si è potuto apprendere dalle varie dichiarazioni durante conferenze stampa e, soprattutto, Commissione trasporti, sui mezzi di superficie (bus e tram) non pagherebbe il biglietto il 40% degli utenti, percentuale decisamente superiore a quella delle metropolitane, dove i “portoghesi” sarebbero solo il 5%. Ovviamente, si tratta di dati diversi rispetto all’evasione tariffaria “accertata”, pari al 6,1% ma in crescita proporzionale all’aumentare dei verificatori impiegati sulle vetture negli ultimi due anni (come specificato dalla stessa Atac).

Leggi Anche

1 comment

Silvio Parodi 24 Giugno, 2018 - 2:19 pm

metterei anche due poliziotti in boghese armati, poliziotti tolti ai politici e magistrati, che si incominci a difendere gli italiani, quelli si che ne hanno bisogno di essere difesi, non le scorte a Saviano Boldrini Grasso e giudici costituzionali che nessuno caga, e viaggiano con auto blu e autista!!!

Reply

Leave a Comment