Robin Wall Kimmerer: Dobbiamo cambiare il modo di pensare per salvare la Terra

0

Robin Wall Kimmerer: Se vogliamo salvare la Terra Dobbiamo cambiare il modo di pensare

Sara Elisa Fernández – “Dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare, cambiare il nostro modo di agire”, curare la Terra ed evitare ulteriori crisi sanitarie come quella causata da Covid-19.

Direttrice del Center for Native Peoples and the Environment di New York e discendente della tribù Potawatomi , il popolo degli indiani Algonquin, Kimmerer difende l’idea che “la natura è la nostra più antica insegnante” e rivendica l’unione della scienza contemporanea con “conoscenza tradizionale e storie ancestrali” come rimedio per “sanare la nostra relazione che abbiamo interrotto con Madre Terra”.

Oggi la Natura è concepita come “una merce o proprietà” ma, per le credenze della comunità indigena, era l’origine di ciò che le permetteva di vivere e anche parte della propria identità, nonché il legame con gli antenati e il “casa della famiglia non umana”.

Imparare la Cultura della gratitudine

Per questo motivo, raccomanda di trasformare il nostro rapporto con esso difendendo una “cultura della gratitudine” verso il pianeta in modo da frenare “il consumo eccessivo che sta alimentando la crisi climatica e la perdita della biodiversità”.

Nella sua analisi, questa gratitudine aiuterebbe a coltivare negli esseri umani un’etica di completezza e reciprocità perché “quando siamo grati per aver ricevuto un dono, cominciamo a pensare a ciò che possiamo dare in cambio” e questo servirebbe a prendere dal pianeta solo ciò di cui abbiamo bisogno.

Dobbiamo cambiare il modo di pensare per salvare la Terra
Dobbiamo cambiare il modo di pensare per salvare la Terra

Nel suo caso, dice che le piace iniziare ogni giorno respirando l’aria fresca del mattino, “aria prodotta dalle piante”, ringraziando tutte le forme di vita che rendono possibile tutto questo.

Non siamo i proprietari del mondo

Ci è stato dato in prestito dalle generazioni future e lo dobbiamo restituire migliore di come lo abbiamo ricevuto”

Per questo difende che tutte le persone, indipendentemente dal fatto che vivano in campagna o in città e quale sia la loro cultura, possono “trovare la loro strada” e il loro modo di praticare questa gratitudine che cerca di stabilire una “responsabilità reciproca”. “.

In questo senso, ha insistito sul fatto che “non possiamo essere semplici spettatori della distruzione di ciò che amiamo di più” e afferma di avere fiducia nella resilienza ecologica ed evolutiva della biosfera “finché l’amore umano è presente”.

In effetti, la vulnerabilità che la società odierna sente alle incertezze generate dalla nostra vita quotidiana, “ci porta a chiederci se saremo al sicuro, se possiamo vivere senza ostacoli, se i nostri figli potranno prosperare qui” preoccupazione, dovrebbe essere una forza per aumentare la consapevolezza del “danno che infliggiamo ad altre specie attraverso le economie di sfruttamento” e agire di conseguenza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.