Quirinale, Berlusconi ci rinuncia: “Draghi rimanga al governo”

0

Quirinale, Berlusconi annuncia passo indietro.

Passo indietro da parte di Berlusconi per il quirinale, mentre il centro destra chiede a Draghi di rimanere al governo.

Faremo proposta condivisa del centrodestra all’altezza – è la linea di Berlusconi – in grado di avere il massimo consenso possibile. L’annuncio di Licia Ronzulli, che ha letto una nota di Silvio Berlusconi in apertura del vertice in cui il leader forzista ha anche sottolineato che Mario Draghi deve rimanere al suo posto per completare l’opera con l’attuale governo.Poco prima ai suoi Berlusconi aveva confermato di non aver ancora sciolto la riserva su una sua candidatura e ha detto di voler conoscere il parere di tutti.

«Qualsiasi scelta tu faccia noi l’appoggeremo sino alla fine» è invece il coro unanime rivolto al leader. Mariastella Gelmini, avrebbe espresso qualche preoccupazione sui numeri, Mara Carfagna avrebbe ricordato che gli attuali responsi sarebbero meno entusiasmanti di quelli rilevati da prima di Natale, tuttavia nessuno avrebbe chiesto al Cavaliere di esaminare un eventuale «passo di lato».

Forza Italia non perde tempo nel dettare condizioni sul dafarsi, ovvero, lo scopo è che Mario Draghi non vada al Quirinale, rimanga a Palazzo Chigi, dove è inamovibile, e che nel governo non ci debbano essere nè rimpasti, nè nuovi ingressi”,. Sono queste le parole dette da Antonio Tajani all’incontro con Berlusconi. Inoltre, aggiunge Tajani “non è possibile accettare la ghettizzazione della sinistra nei confronti dei candidati del centrodestra”. Linea che è stata ribadita anche con una nota del partito, letta in apertura dell’incontro tra i leader.

La frecciata del PD

Il centrodestra sta bloccando il paese e il Pd ha una posizione coerente e lineare dall’inizio: presidente super partes di unità nazionale, sostenuto da una maggioranza larga almeno tanto quanto quella che sostiene l’attuale esecutivo, e patto di legislatura. Si ragioni su questo nell’interesse della nazione in una fase così complessa della vita repubblicana”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.