omicron ha sintomi differenti: ecco quali

0

Omicron: i sintomi sono diversi

I dati preliminari mostrano che la nuova variante Omicron causa raffreddori, meno febbre e più fatica, il che potrebbe significare una malattia meno grave.

La variante omicron è quella con le mutazioni più diverse nel suo genoma e questi cambiamenti sembrano manifestarsi nei sintomi sofferti dalle persone infette. Anche se i dati sono ancora piuttosto limitati, i primi segnali mostrano che la nuova variante produce sintomi significativamente diversi rispetto alle altre ondate.

Uno dei cambiamenti più evidenti è la perdita dell’olfatto. Nelle prime ondate si verificava fino al 70% dei pazienti ed era un sintomo molto specifico del covid rispetto ad altre infezioni respiratorie. Ora è molto raro o assente.

Uno degli esempi paradigmatici è una delle più grandi infezioni di gruppo mai studiate in dettaglio. È successo il 26 novembre a Oslo in un ristorante dove c’era un gruppo di 111 persone, tutte vaccinate con il programma di vaccinazione completo e un test antigenico fatto uno o due giorni prima. Uno di loro era appena arrivato dal Sudafrica, dove l’omicron è stato originariamente rilevato.

Questa variante ha infettato fino al 74% delle 110 persone coinvolte. Di questi, solo il 12% ha perso l’olfatto. I sintomi più frequenti erano tosse, muco e stanchezza. Nessuno dei contagiati ha dovuto essere ricoverato. L’età media era di 39 anni.

Questi stessi sintomi sono quelli che vengono rilevati maggiormente in Spagna durante questa nuova ondata in cui omicron sta prendendo piede. Vicente Martín Sánchez, membro della Società spagnola di cure primarie e professore di medicina preventiva all’Università di León, sottolinea che la maggior parte delle persone infettate dalla variante presentano un quadro simile a quello di un raffreddore o di un’allergia. “La perdita dell’olfatto sta diventando sempre meno comune. Infatti, anche con la variante delta era molto meno comune”, sottolinea.

Il medico raccomanda che chiunque abbia questi sintomi dovrebbe pensare di avere il covid, isolarsi e chiedere un test il prima possibile. “Se le persone continuano la loro vita normale pensando che se non hanno perso l’olfatto non hanno il covid, infetteranno tutti quelli che li circondano. Non può essere influenza perché questo virus non è ancora apparso quest’inverno”, sottolinea.

All’ospedale universitario Marqués de Valdecilla di Santander, la responsabile delle malattie infettive, Carmen Fariñas, vede sempre più chiaramente le due facce dell’omicron. “Vediamo immagini con starnuti, rinorrea [naso che cola], un mal di gola più moderato e meno febbre che con altre varianti”, spiega. “È molto simile a un normale raffreddore, ma forse con un po’ più di stanchezza e malessere.

omicron covid

Sarebbe prematuro pensare che questa variante sia meno grave, avverte Fariñas. “È vero che stiamo vedendo meno ricoveri, ma è perché la maggior parte della popolazione è ora vaccinata e molti altri hanno memoria di una precedente infezione”, spiega. La sensazione è che l’omicron produca meno casi gravi, ma quando si verificano, il pericolo di complicazioni molto gravi o di morte è esattamente lo stesso. Se si tiene conto che la variante è più contagiosa, ci può essere un’esplosione di ricoveri in statistica. “Qui in pochi giorni il numero di ricoveri in terapia intensiva è triplicato”, avverte Fariñas.

All’ospedale Gregorio Marañón di Madrid, la “sensazione” di Emilio Bouza, responsabile delle malattie infettive, è che “l’infezione è più lieve e ci sono meno ricoveri”. “Per ora è solo un’impressione, poiché non ci sono serie con abbastanza pazienti con l’omicron debitamente confermato”, aggiunge. “In ogni caso”, ricorda, “la perdita dell’olfatto era un segno molto specifico del covid, ma molto insensibile, perché molte persone si ammalavano senza perdere l’olfatto”.

“Benito Almirante, capo delle malattie infettive all’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona, dice: “È quasi certo che la probabilità di malattia grave dovuta all’omicron è più bassa che con altre varianti. “Non abbiamo ancora molti dati, ma qui abbiamo già visto più di 100 casi di infezione con micron e non un solo ricovero in ospedale”, spiega questo portavoce della Società spagnola di malattie infettive e microbiologia clinica. Questo perché la maggior parte dei casi sono giovani, sottolinea il medico. “L’aspetto più preoccupante potrebbe essere l’infezione dei più vulnerabili, che sono gli over 60 e le persone immunocompromesse.

Qui in Catalogna c’è ancora un settore importante della popolazione che non ha ancora ricevuto la terza dose. Dobbiamo aspettare due o tre settimane per vedere l’effetto del Natale. In ogni caso, sono convinto che non arriveremo a un collasso degli ospedali come quello che abbiamo visto nelle onde quando non c’era il vaccino. I dati del Regno Unito, dove l’omicron è diffuso, indicano che i ricoveri con questa variante sono da 5 a 10 volte inferiori rispetto alle peggiori ondate”, sottolinea.

Il cambiamento dei sintomi può indicare che l’omicron è altamente contagioso, ma meno efficiente nel causare malattie gravi, dice Almirante.

Di Essere Informati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.