Nigel Farage: ‘L’Europa fa bullismo nei confronti dell’Italia’.

Nigel Farage: ‘L’Europa fa bullismo nei confronti dell’Italia’.

L’Unione Europea è una “forma di bullismo” e a Bruxelles sono dei “gangster” che “minacciano politici regolarmente eletti”.

Lo ha detto Nigel Farage, il leader dell’UKIP che ha portato il Regno Unito fuori dall’Europa con la Brexit, intervenendo in collegamento da Londra a DiMartedì, trasmissione condotta da Giovanni Floris su La7.

“Parliamoci chiaro” ha proseguito “sono i 5Stelle ad aver vinto le ultime elezioni in Italia, sono assolutamente legittimi, sono un partito politico di maggioranza e che si parli in questo modo del loro leader è assolutamente una disgrazia”.

Alessandro Sallusti, collegato con lo studio, ha chiesto a Farage perché si interessi dell’Europa se ora il suo paese è fuori dall’Ue.

Loading...

Immediata la replica di Mister Brexit: “Che noi facciamo parte di un’unione politica o no, e sono molto contento che la lasceremo, non significa che non ci interessi l’Europa: certo che ci interessa. Le nostre storie sono legate in tutti i modi, quindi ovviamente ci interessa. C’è una grande storia nel mio paese, che ha portato avanti lo stato di democrazia in Europa, noi abbiamo lottato in passato contro dittatori europei. E francamente questa commissione europea sta cominciando a sembrarne una nuova di dittatura”.

Alla scrittrice Michela Murgia che ha citato alcuni dati economici che dimostrerebbero le conseguenze negative della Brexit, Farage ha risposto:

“La disoccupazione nel Regno Unito non è mai stata così bassa dal ’74. Abbiamo avuto la manovra del Regno Unito ieri e devo dire che sono sorpreso: il nostro deficit si è ridotto molto bruscamente da quando abbiamo votato per la Brexit. Allora le dirò una cosa: noi stiamo andando benissimo, ma queste argomentazioni sono molto più grandi dell’economia, del fatto che noi stiamo un po’ meglio o un po’ peggio adesso. Queste sono argomentazioni fondamentali che riguardano la democrazia”.

Leggi anche

loading...

Leave a Reply