Home politica Manovra, c’è l’accordo Roma-Bruxelles. Brexit e Gilet gialli in aiuto all’Italia

Manovra, c’è l’accordo Roma-Bruxelles. Brexit e Gilet gialli in aiuto all’Italia

by admin
0 comment

Manovra, c’è l’accordo Roma-Bruxelles. 

Accordo chiuso fra Italia e Unione europea sulla legge di Bilancio. Secondo il Mef si tratta di un “accordo tecnico” che sarà passato ora “al vaglio dei commissari”.

Rispetto alle anticipazioni sull’esito del negoziato c’è prudenza da parte di Palazzo Chigi, dove si fa notare che la riservatezza è essenziale che si conservi anche nell’ultimo tratto del negoziato, tenuto conto che, al momento, ci sono state solo comunicazioni verbali da parte dei commissari Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis, ma non c’è ancora la comunicazione ufficiale da parte della Commissione Europea.

Allo stato, spiegano fonti di Palazzo Chigi, vi è la ragionevole previsione che la proposta che sarà portata mercoledì 19 dicembre all’attenzione del Collegio della Commissione sarà positiva per l’Italia, utile a evitare l’infrazione. Ma occorre attendere che si completi la procedura per poter considerare definitivamente conclusa la negoziazione.

Tutto questo Grazie anche al mal consenso dei gilet gialli diventano il simbolo dell’Europa che si ribella nato anche  grazie all’Italia per aver fronteggiato L’Europa in questi ultimi mesi facendo rispettare il suo volere  mettendo in primo piano la voce del popolo che grazie al voto del 4 Marzo aveva deciso il proprio cammino ,e anche a  Londra che iniziano a diventare un movimento a favore della Brexit immediata.

Loading...

Sull’esito della trattativa con Bruxelles il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, riferirà mercoledì alle 12 nell’aula del Senato. Lo ha stabilito la capigruppo di Palazzo Madama. I lavori della commissione Bilancio del Senato sulla manovra sono rinviati alle 14.30, dopo la comunicazione in aula del premier. E’ prevista inoltre una seduta notturna (alle ore 20.30); mentre per giovedì sono fissati due appuntamenti: alle 9.30 e alle 15. E’ tuttavia possibile intuire quali siano state le modifiche sostanziali anche alla luce di alcune proposte di modifica presentate nelle ultime ore in Senato.

Quota 100
Dal 2019 e fino al 2021 sarà possibile andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi. Le finestre, però, sono mobili (3 mesi per i dipendenti del settore privato; 6 per quelli pubblici e 2 in più per gli insegnanti).
La platea interessata è di circa 800mila persone nel triennio, di cui 350mila almeno l’anno prossimo. Lo stanziamento è di 4,7 miliardi e comprende anche il rinnovo per un anno di Ape sociale opzione donna. Le regole della legge Fornero (67 anni di età con 20 di contributi o 42 anni e 10 mesi) restano in vigore. La penalizzazione per chi si ritira prima e il divieto di cumulo con redditi da lavoro dipendente per 5 anni dovrebbero teoricamente consentire un risparmio ulteriore rispetto a uno stanziamento già ridotto di 2 miliardi.

Reddito di cittadinanza
I 780 euro mensili saranno erogati in base all’Isee (previste decurtazioni se si è possessori della prima casa), la platea potenziale è di 5 milioni di persone. Lo stanziamento 2019 è di 6,1 miliardi, calcolato sulla base della partenza della misura ad aprile e ipotizzando un 10% di adesioni in meno. Un altro miliardo sarà destinato al rilancio dei centri per l’impiego, ma dei 7,1 miliardi complessivi 2 proverranno dallo stanziamento per il Rei (reddito di inclusione). Le stesse risorse serviranno anche per le pensioni di cittadinanza, cioè per alzare le minime a 780 euro. Il Fondo per l’erogazione del sussidio è “in comune” con quello di quota 100, come ipotizzato fin dai primi passi del governo. Le risorse verranno reperite anche tramite il taglio delle pensioni d’oro.

Taglio pensioni d’oro
Il taglio delle pensioni più ricche scatterà da 100mila euro lordi e non da 90mila. La riduzione per gli assegni tra i 100mila e i 130mila, il primo dei cinque scaglioni sarà del 15%. La misura sarà inserita in manovra con un emendamento. La durata è prevista in 5 anni. Attesa una rimodulazione del taglio: sarà del 25% per gli assegni tra i 100 e i 200mila euro; del 30% fino a 350 mila; del 35% tra 350mila e 500mila; del 40% per assegni.

Loading...

Tasse alle imprese
Prevista dal 2019 un’aliquota unica al 15% per partite Iva e piccole imprese con redditi fino a 65mila euro. La misura è finanziata con 330 milioni. Dall’anno successivo si dovrebbe introdurre una seconda aliquota del 20% per i redditi fra 65 e 100mila.

Dismissioni
Determinante per ottenere l’ok sul fatidico 2,04% sono le dismissioni degli immobili pubblici, che si prevede possano fruttare almeno un paio di miliardi. Il complesso delle privatizzazioni dovrebbe portare, nelle idee del Tesoro, circa l’1% del Pil, ossia 18 miliardi.

via https://quifinanza.it/

Rivisto da Essere informati.it

Loading...

Leggi Anche

Leave a Comment