Home politica Macron ritiene che la NATO sia in uno stato di “morte cerebrale” e induce la Merkel

Macron ritiene che la NATO sia in uno stato di “morte cerebrale” e induce la Merkel

by admin
0 comment

L’UE, “al limite del precipizio”, corre il rischio di “scomparire geopoliticamente”, afferma il presidente della Francia in un’intervista a “The Economist”

Emmanuel Macron ritiene che la NATO sia in uno stato di “morte cerebrale” . L’Unione europea, “ai margini del precipizio”, corre il rischio di “scomparire geopoliticamente”. Con questa crudezza, il presidente francese lo espone in un’intervista pubblicata giovedì sul settimanale britannico The Economist .

Le sue parole sono una diagnosi della crisi che colpiscono l’Europa e, allo stesso tempo, un avvertimento per i loro partner, che hanno immediatamente segnato le distanze. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato di non condividere le “parole drastiche” di Macron. Questa non è la mia visione di cooperazione all’interno NATO “, ha aggiunto.

Macron si vanta di dire ciò che pensa e di infrangere i codici, un atteggiamento che ha suscitato critiche in Francia, ma che è meno frequente sulla scena internazionale. 

Loading...

Le dichiarazioni a The Economist arrivano alla vigilia dell’anniversario della caduta del muro di Berlino, che ha segnato il trionfo del blocco occidentale nella guerra fredda e tre settimane dopo il vertice della NATO a Londra, un pilastro delle relazioni transatlantiche dopo la guerra mondiale del dopoguerra . E minacciano di mettere a dura prova le relazioni con i partner europei, e in particolare con la Germania più stretta, in un momento in cui l’impeto del presidente francese inizia a diventare impaziente a Bruxelles e in altre capitali.

Anche Francia e Germania contro la manovra italiana

La diagnosi sulla situazione angosciosa dell’Alleanza atlantica si riferisce a un episodio molto specifico, quello del ritiro unilaterale, da parte degli Stati Uniti, delle sue truppe nel nord della Siria . “Quello che stiamo vedendo”, dice Macron, “è la morte cerebrale della NATO”. “Non esiste alcun coordinamento nel processo decisionale degli Stati Uniti e dei suoi alleati nella NATO. Neanche uno. Vi è un’azione aggressiva e non coordinata da parte di un altro alleato della NATO, la Turchia, in un’area in cui sono in gioco i nostri interessi “.

Il presidente francese va oltre l’episodio turco. Quando il giornalista chiede se l’articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico è ancora valido, che impegna i partner ad aiutare un alleato quando viene attaccato , risponde: “Non lo so”. E si chiede: “Ma cosa significherà l’articolo 5 domani?” Senza questo articolo, che garantisce la difesa collettiva, la NATO si svuota di significato.

L’intervista è caduta come una brocca di acqua fredda a Berlino, dove il cancelliere Angela Merkel ha incontrato proprio il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. Il cancelliere usò un tono insolitamente duro per rispondere a Macron e alla sua interpretazione dello stato dell’Alleanza atlantica. “Il presidente francese ha scelto parole drastiche. Questa non è la mia visione della cooperazione all’interno della NATO. Non credo sia necessaria una critica generalizzata. Anche se abbiamo problemi, dobbiamo agire insieme. Dal punto di vista tedesco, la NATO è nel nostro interesse. “

Loading...

Il cancelliere tedesco ha ritenuto che “ci sono molte aree in cui la NATO funziona bene […]. Apprezzo in particolare il fatto che stiamo lavorando molto più politicamente ora rispetto a dieci anni fa “, ha affermato in una conferenza stampa.

Stoltenberg ha anche contraddetto il presidente francese e ha ritenuto che “gli alleati europei stanno aumentando la loro disponibilità di forze e investendo di più nella difesa”. Gli Stati Uniti criticano periodicamente Berlino per aver considerato il suo contributo all’insufficiente Alleanza atlantica. La Merkel ha confermato giovedì il suo impegno per aumentare le spese militari della Germania all’1,5% del PIL entro il 2024, mentre il Ministero della Difesa propone di raggiungere il 2% nel 2031.

Stoltenberg ha affermato che “gli Stati Uniti stanno aumentando la propria presenza in Europa con più truppe e più esercitazioni. La realtà è che facciamo di più insieme e abbiamo rafforzato la nostra difesa collettiva “. Il segretario generale della NATO ha stimato che “qualsiasi tentativo di allontanare l’Europa dal Nord America corre il rischio di indebolire l’alleanza e il legame transatlantico, ma anche di dividere l’Europa. Ecco perché dobbiamo stare insieme. “

La Francia, gelosa della sua sovranità e del suo stato di energia nucleare, ha mantenuto un complicato rapporto con l’Alleanza atlantica fin dai tempi del generale De Gaulle, che Macron ha adottato come modello in alcune decisioni. Ma l’estrema diagnosi di Macron – una NATO sull’orlo dell’estinzione – si basa su una scoperta che la Merkel ha fatto in passato: con Donald Trump alla Casa Bianca, gli europei non possono più fare affidamento sull’ombrello degli Stati Uniti.

Loading...

“Ci siamo incontrati per la prima volta con un presidente americano che non condivide la nostra idea del progetto europeo”, afferma il presidente francese. E sostiene che, con il ritiro degli Stati Uniti e l’ascesa della Cina, l’UE deve trasformarsi o soccombere. “Se [l’Europa] non può essere considerata una potenza globale, scomparirà”, afferma. “Se non ci svegliamo”, dice in un altro momento, “c’è un rischio considerevole che, a lungo termine, scompariamo geopoliticamente, o almeno non controlleremo più il nostro destino. Ci credo profondamente”.

Leggi Anche

Leave a Comment