L’UE fallisce ancora nel dare una risposta europea alla crisi

0

L’Eurogruppo si incontrerà di nuovo domani per mobilitare più di mezzo miliardo di euro

Nulla di fatto per I ministri delle finanze dell’Europa nel loro quarto tentativo di fornire una risposta congiunta, almeno a breve termine, alla crisi sociale ed economica causata dalla pandemia di Covid-19 in Europa. 

Dopo 16 lunghe ore di trattative, i funzionari delle finanze dei ventisette hanno confermato mercoledì mattina che non era possibile revocare il blocco che stavano mantenendo sull’accordo tra Italia e Paesi Bassi. L’Eurogruppo ha deciso di incontrarsi di nuovo domani giovedì per cercare di sbloccare prestiti per un totale di quasi mezzo trilione di euro.

Le linee rosse tracciate da Roma e L’Aia alla fine si sono rivelate inconciliabili, almeno durante la notte. L’Italia, già riluttante a dover rivolgersi al fondo di salvataggio, ha respinto la necessità di applicare adeguamenti e riforme in caso di accesso a una linea di credito per far fronte ai costi più urgenti della pandemia. La Spagna, secondo fonti diplomatiche, ha sostenuto tale posizione. All’altro estremo, i Paesi Bassi, sostenuti da Finlandia e Austria, hanno insistito sui prestiti in due fasi: nella prima, il denaro sarebbe stato erogato senza condizioni; e nel secondo, verrebbero istituite condizioni e un sistema di sorveglianza.

Il fondo europeo di salvataggio (Mede) è il meccanismo scelto per fungere da firewall. Tuttavia, nove paesi hanno lo sguardo puntato sul momento in cui l’Europa deve dare una spinta per riguadagnare il polso. Francia, Italia e Spagna vogliono una strategia di recupero da stabilire ora. Roma continua a chiedere eurobond, mentre Parigi e Madrid si sono già orientate verso una soluzione intermedia sotto forma di un fondo di recupero. In ogni caso, anche l’incorporazione di un riferimento a tale strumento alle conclusioni ha generato problemi. Infine, i dettagli del meccanismo di finanziamento dei regimi di disoccupazione temporanea come gli ERTE restano da perfezionare.

Fonti diplomatiche concordano, tuttavia, che una volta che il punto cruciale è nella questione Mede. “Una volta risolto il problema, l’altro verrà da solo”, hanno sostenuto. Di fronte al blocco, il presidente dell’Eurogruppo, Mário Centeno, ha annunciato alcuni minuti fa che, dopo 16 ore di discussioni, l’accordo non era ancora possibile. Di fronte al blocco, Centeno ha deciso di sospendere l’Eurogruppo e proseguirlo giovedì, con lo stesso obiettivo: costruire una rete di sicurezza per le finanze pubbliche (240.000 milioni), le aziende (200.000 milioni) e i lavoratori (100.000 milioni) a breve termine.

Leave A Reply

Your email address will not be published.