Le Verità sul conto della NATO che in pochi conoscono

0

La NATO è nata dalla bomba
Gli eventi che hanno causato la NATO da quando gli Stati Uniti hanno sganciato bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki nell’agosto del 1945, non per sconfiggere il Giappone, ma per uscire alla fine, con il maggior dominio possibile dalla seconda guerra mondiale, soprattutto riguardo all’Unione Sovietica. Ciò è stato reso possibile dal fatto che un tempo gli Stati Uniti era l’unico paese che possedeva le armi nucleari.

Appena un mese dopo il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki, nel settembre del 1945, il Pentagono calcolò il costo di circa 200 bombe nucleari per sconfiggere un nemico delle dimensioni dell’URSS. Il 5 marzo 1946, comincia con il discorso di Winston Churchill sulla “cortina di ferro” e cosi iniziò ufficialmente la guerra fredda. Poco dopo, nel luglio 1946, gli Stati Uniti condussero i primi test nucleari sull’atollo di Bikini (Isole Marshall, Pacifico) per confermare l’esercito delle bombe nucleari a disarmare un gruppo di navi e sacrificare migliaia di cavi di esperienti. Più di 40.000 civili americani hanno partecipato all’operazione con più di 250 navi, 150 aerei e 25.000 rilevatori di radiazioni.

Nel 1949 l’arsenale nucleare americano possedeva circa 170 bombe atomica. A questo punto gli Stati Uniti avevano certamente abbastanza bombe per attaccare l’Unione Sovietica ad un ritmo vivace. Lo stesso anno, il piano degli Stati Uniti per avere il monopolio delle armi nucleari fallì. Il 29 agosto 1949, l’Unione Sovietica condusse la sua prima esplosione nucleare sperimentale. Alcuni ore prima, il 4 aprile 1949, quando Washington sapeva già che l’Unione Sovietica aveva la bombe nucleare, stava iniziando la corsa agli armamenti nucleari per iniziare gli Stati Uniti fondarono la NATO.
Durante la Guerra Fredda, l’Alleanza comprendeva 16 paesi sotto il comando degli Stati Uniti: Stati Uniti, Canada, Belgio, Danimarca, Francia, Repubblica Tedesca Federale, Gran Bretagna, Grecia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Turchia. Attraverso questa alleanza, gli Stati Uniti mantennero il loro dominio sugli alleati europei, con l’Europa come la prima linea contro l’Unione Sovietica.

Sei anni dopo la costituzione della NATO, il 14 maggio 1955, nacque il Patto di Varsavia, tra cui l’Unione Sovietica, la Bulgaria, la Cecoslovacchia, la Polonia, la Repubblica Democratica Tedesca, la Romania, l’Ungheria e l’Albania. (Il patto di Varsavia durò dal 1955 già 1968).

Quando inizio lo scontro nucleare tra Stati Uniti e l’Unione Sovietica, Gran Bretagna e Francia, entrambi membri della NATO, si movevano anche loro per creare armi nucleari. Il primo che aveva successo fu la Gran Bretagna, che condusse un esplosione sperimentale in Australia nel 1952. Il beneficio della NATO aumentò ulteriormente quando il 1 novembre dello stesso anno gli Stati Uniti fecero esplodere la prima bomba ad H (idrogeno).
Nel febbraio 1960, il numero dei paesi della NATO con armi nucleari aumentò con tre quando la Francia lanciò la sua prima bomba atomica nel Sahara.
Mentre la corsa agli armamenti nucleari era in pieno svolgimento, la crisi missilistica esplose a Cuba nell’ottobre del 1962. Dopo l’invasione armata dell’isola da parte degli esiliati sostenuti dalla CIA falliva nell’aprile 1961, l’URSS decise di fornire Cuba una balistica di medio e medio raggi missili. Gli Stati Uniti hanno effettuato il blocco marittimo sull’isola e affilavano le loro forze nucleari. Più di 130 missili balistici intercontinentali erano pronti per essere lanciati e 54 bombardieri con armi nucleari a bordo furono aggiunti ai 12 bombardieri che il Comando aereo strategico teneva in volo 24 ore al giorno, pronto per un attacco nucleare

A quei tempi, gli Stati Uniti avevano più di 25.500 armi nucleari, a cui ne erano state aggiunte circa 210, mentre l’URSS ne contava circa 3.350. La crisi, che ha portato il mondo alle soglie di una guerra nucleare, è stata resa innocua dalla decisione sovietica di non installare i missili in cambio di un obbligo da parte degli Stati Uniti di sollevare il blocco e rispettare l’indipendenza di Cuba. Allo stesso tempo, la Cina passò all’acquisizione di armi nucleari e nell’ottobre del 1964 esplose la sua prima bomba all’uranio e in meno di tre anni la sua prima bomba H.

In concomitanza con la crescita del suo arsenale, il Pentagono sviluppò piani operativi dettagliati contro l’URSS e la Cina. Un file di 800 pagine – reso pubblico nel 2015 dagli Archivi nazionali degli Stati Uniti – contiene un elenco (fino a quel momento classificato) di migliaia di obiettivi nell’URSS, nell’Europa orientale e in Cina che preparavano gli Stati Uniti alla distruzione di armi nucleari durante il freddo la guerra. Nel 1959, l’anno a cui si riferisce la “lista degli obiettivi”, gli Stati Uniti avevano più di 12.000 testate e gli britannici ottanta, mentre l’URSS ne aveva circa un migliaio e la Cina non ne aveva uno finora. Come risultato di avere un trasporto superiore (bombardieri e missili), il Pentagono considerava possibile un attacco nucleare.

Paul Johnstone, pianificatore di guerra nucleare e analista del Pentagono per vent’anni (1949 – 1969), ha rivelato che al tempo della Guerra Fredda c’era una convinzione tra gli strateghi americani che gli Stati Uniti avrebbero subito gravi danni e causato milioni di morti, ma continuerebbe a esistere come nazione organizzata e vitale, e prevarrebbe, mentre l’Unione Sovietica non sarebbe in grado di farlo.

Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, gli Stati Uniti possedevano circa 9.000 armi nucleari dislocate al di fuori del loro territorio: circa 7.000 nei paesi europei della NATO e 2.000 nei paesi asiatici (Corea del Sud, Filippine, Giappone). Oltre a questo, hanno 3.000 armi a bordo di sottomarini e altre unità navali, che possono essere lanciate in qualsiasi momento, da posizioni avanzate, contro l’Unione Sovietica e altri paesi.
L’URSS, che non ha basi avanzate al di fuori del suo territorio nelle vicinanze degli Stati Uniti (che può ottenere con i sottomarini nucleari), cercavano a dimostrare che, se fossero stato attaccato, avrebbe potuto lanciare una rappresaglia devastante. Per confermare questo fatto, un test svoltosi il 20 ottobre 1961, la più potente bomba all’idrogeno mai sperimentata, esplose il 58-megaton «Zar», equivalente a quasi 4.500 bombe di Hiroshima. Allo stesso tempo, l’Unione Sovietica ha preparato un’arma spaziale: un missile che, se posizionato in orbita intorno alla Terra, potrebbe colpire gli Stati Uniti in qualsiasi momento con una testata.

A questo punto, di fronte a una posizione difficile, gli Stati Uniti proposero all’Unione Sovietica un trattato sull’uso pacifico dello spazio. Nel gennaio 1967, per esempio, fu firmato il Trattato sullo spazio, che proibisce il posizionamento di armi nucleari sull’orbita della terra, sulla luna o su altri corpi celesti, o almeno per metterli in uno spazio atmosferico (al di fuori della terra).

Subito dopo, nel luglio 1968, fu firmato il Trattato di non proliferazione (TNP). Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Unione Sovietica lo promuovono, preoccupati dal fatto che altri paesi vogliano entrare nella cerchia delle potenze nucleari. L’articolo 1 recita: “Ciascuno degli stati nucleari militari si impegna a non trasferire armi nucleari a nessuno”. L’articolo 2 recita: “Ciascuno degli stati militari non nucleari, che è parte della Convenzione, si impegna a non ricevere armi nucleari o altri ordigni nucleari esplosivi da nessuno, né il potere su tali armi ed esplosivi, direttamente o indirettamente”. Le potenze nucleari si sono impegnate a proseguire i negoziati su una convenzione sul disarmo generale sotto controllo internazionale (articolo 6). L’Italia firmò il TNP nel 1969 e lo ratificò nel 1975.

È in questa fase che l’Europa è diventata la prima linea del confronto nucleare tra le due superpotenze. Tra il 1976 e il 1980, l’URSS dispiegò missili balistici a medio raggio sul suo territorio. Basandosi sul fatto che potevano colpire l’Europa occidentale dal territorio sovietico, a partire dal 1983, la NATO decise di schierare missili nucleari dagli Stati Uniti in Europa: 108 missili balistici Pershing II in Germania e 464 missili da crociera che potevano lanciato da terra tra Gran Bretagna, Italia, Germania Ovest, Belgio e Paesi Bassi.

In meno di 10 minuti dal lancio, il Pershing II schierato in Germania può colpire le basi e le città sovietiche, compresa Mosca, con le loro testate. Allo stesso tempo, i missili da crociera americani schierati a Comiso e in altre basi europee, volando a velocità subsoniche a una distanza di poche decine di metri lungo i contorni del terreno, erano in grado di sfuggire ai radar e colpire le città sovietiche. L’SS-20 schierato nell’area sovietica poteva a sua volta colpire le basi e le città dell’Europa occidentale in meno di 10 minuti dal lancio.

In Italia, a metà degli anni ’80, c’erano 112 testate nucleari schierato a Comiso e in altre armi nucleari statunitensi con un numero totale stimato di circa 700. Erano composte principalmente da miniere di fissione nucleare, artiglieria a proiettili nucleari e missili nucleari a corto raggio per l’uso in Italia. Ciò indica che il Pentagono vedeva l’Italia come una semplice pedina da sacrificare, un campo di battaglia nucleare da trasformare in un deserto radioattivo.

Durante la Guerra Fredda, dal 1945 al 1991, si accumulò arsenale nucleare nel mondo, che probabilmente raggiunse i 15.000 megatoni negli anni ’80 – l’equivalente di oltre un milione di bombe atomiche sganciate su Hiroshima. È come se ogni abitante del pianeta fosse seduto su 3 tonnellate di tritolo. Il potere dell’arsenale nucleare è più di 5000 volte maggiore di quello di tutti gli esplosivi usati durante la seconda guerra mondiale. Per la prima volta nella storia, è stata creata una forza distruttiva che può far sparire ogni cosa dalla superficie terrestre, dalla specie umana e da quasi ogni altra forma di vita, non solo una volta ma ripetutamente.

Gli eventi che hanno causato la NATO da quando gli Stati Uniti hanno sganciato bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki nell’agosto del 1945, non per sconfiggere il Giappone, ma per uscire alla fine, con il maggior dominio possibile dalla seconda guerra mondiale, soprattutto riguardo all’Unione Sovietica. Ciò è stato reso possibile dal fatto che un tempo gli Stati Uniti era l’unico paese che possedeva le armi nucleari.

Appena un mese dopo il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki, nel settembre del 1945, il Pentagono calcolò il costo di circa 200 bombe nucleari per sconfiggere un nemico delle dimensioni dell’URSS. Il 5 marzo 1946, comincia con il discorso di Winston Churchill sulla “cortina di ferro” e cosi iniziò ufficialmente la guerra fredda.

Poco dopo, nel luglio 1946, gli Stati Uniti condussero i primi test nucleari sull’atollo di Bikini (Isole Marshall, Pacifico) per confermare l’esercito delle bombe nucleari a disarmare un gruppo di navi e sacrificare migliaia di cavi di esperienti. Più di 40.000 civili americani hanno partecipato all’operazione con più di 250 navi, 150 aerei e 25.000 rilevatori di radiazioni.

Nel 1949 l’arsenale nucleare americano possedeva circa 170 bombe atomica. A questo punto gli Stati Uniti avevano certamente abbastanza bombe per attaccare l’Unione Sovietica ad un ritmo vivace. Lo stesso anno, il piano degli Stati Uniti per avere il monopolio delle armi nucleari fallì. Il 29 agosto 1949, l’Unione Sovietica condusse la sua prima esplosione nucleare sperimentale.

Alcuni ore prima, il 4 aprile 1949, quando Washington sapeva già che l’Unione Sovietica aveva la bombe nucleare, stava iniziando la corsa agli armamenti nucleari per iniziare gli Stati Uniti fondarono la NATO.
Durante la Guerra Fredda, l’Alleanza comprendeva 16 paesi sotto il comando degli Stati Uniti: Stati Uniti, Canada, Belgio, Danimarca, Francia, Repubblica Tedesca Federale, Gran Bretagna, Grecia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Turchia. Attraverso questa alleanza, gli Stati Uniti mantennero il loro dominio sugli alleati europei, con l’Europa come la prima linea contro l’Unione Sovietica.

Sei anni dopo la costituzione della NATO, il 14 maggio 1955, nacque il Patto di Varsavia, tra cui l’Unione Sovietica, la Bulgaria, la Cecoslovacchia, la Polonia, la Repubblica Democratica Tedesca, la Romania, l’Ungheria e l’Albania. (Il patto di Varsavia durò dal 1955 già 1968).

Quando inizio lo scontro nucleare tra Stati Uniti e l’Unione Sovietica, Gran Bretagna e Francia, entrambi membri della NATO, si movevano anche loro per creare armi nucleari.

Il primo che aveva successo fu la Gran Bretagna, che condusse un esplosione sperimentale in Australia nel 1952. Il beneficio della NATO aumentò ulteriormente quando il 1 novembre dello stesso anno gli Stati Uniti fecero esplodere la prima bomba ad H (idrogeno).
Nel febbraio 1960, il numero dei paesi della NATO con armi nucleari aumentò con tre quando la Francia lanciò la sua prima bomba atomica nel Sahara.
Mentre la corsa agli armamenti nucleari era in pieno svolgimento, la crisi missilistica esplose a Cuba nell’ottobre del 1962. Dopo l’invasione armata dell’isola da parte degli esiliati sostenuti dalla CIA falliva nell’aprile 1961, l’URSS decise di fornire Cuba una balistica di medio e medio raggi missili. Gli Stati Uniti hanno effettuato il blocco marittimo sull’isola e affilavano le loro forze nucleari. Più di 130 missili balistici intercontinentali erano pronti per essere lanciati e 54 bombardieri con armi nucleari a bordo furono aggiunti ai 12 bombardieri che il Comando aereo strategico teneva in volo 24 ore al giorno, pronto per un attacco nucleare.

A quei tempi, gli Stati Uniti avevano più di 25.500 armi nucleari, a cui ne erano state aggiunte circa 210, mentre l’URSS ne contava circa 3.350. La crisi, che ha portato il mondo alle soglie di una guerra nucleare, è stata resa innocua dalla decisione sovietica di non installare i missili in cambio di un obbligo da parte degli Stati Uniti di sollevare il blocco e rispettare l’indipendenza di Cuba. Allo stesso tempo, la Cina passò all’acquisizione di armi nucleari e nell’ottobre del 1964 esplose la sua prima bomba all’uranio e in meno di tre anni la sua prima bomba H.

In concomitanza con la crescita del suo arsenale, il Pentagono sviluppò piani operativi dettagliati contro l’URSS e la Cina. Un file di 800 pagine – reso pubblico nel 2015 dagli Archivi nazionali degli Stati Uniti – contiene un elenco (fino a quel momento classificato) di migliaia di obiettivi nell’URSS, nell’Europa orientale e in Cina che preparavano gli Stati Uniti alla distruzione di armi nucleari durante il freddo la guerra. Nel 1959, l’anno a cui si riferisce la “lista degli obiettivi”, gli Stati Uniti avevano più di 12.000 testate e gli britannici ottanta, mentre l’URSS ne aveva circa un migliaio e la Cina non ne aveva uno finora. Come risultato di avere un trasporto superiore (bombardieri e missili), il Pentagono considerava possibile un attacco nucleare.

Paul Johnstone, pianificatore di guerra nucleare e analista del Pentagono per vent’anni (1949 – 1969), ha rivelato che al tempo della Guerra Fredda c’era una convinzione tra gli strateghi americani che gli Stati Uniti avrebbero subito gravi danni e causato milioni di morti, ma continuerebbe a esistere come nazione organizzata e vitale, e prevarrebbe, mentre l’Unione Sovietica non sarebbe in grado di farlo.

Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, gli Stati Uniti possedevano circa 9.000 armi nucleari dislocate al di fuori del loro territorio: circa 7.000 nei paesi europei della NATO e 2.000 nei paesi asiatici (Corea del Sud, Filippine, Giappone). Oltre a questo, hanno 3.000 armi a bordo di sottomarini e altre unità navali, che possono essere lanciate in qualsiasi momento, da posizioni avanzate, contro l’Unione Sovietica e altri paesi.
L’URSS, che non ha basi avanzate al di fuori del suo territorio nelle vicinanze degli Stati Uniti (che può ottenere con i sottomarini nucleari), cercavano a dimostrare che, se fossero stato attaccato, avrebbe potuto lanciare una rappresaglia devastante. Per confermare questo fatto, un test svoltosi il 20 ottobre 1961, la più potente bomba all’idrogeno mai sperimentata, esplose il 58-megaton «Zar», equivalente a quasi 4.500 bombe di Hiroshima. Allo stesso tempo, l’Unione Sovietica ha preparato un’arma spaziale: un missile che, se posizionato in orbita intorno alla Terra, potrebbe colpire gli Stati Uniti in qualsiasi momento con una testata.

A questo punto, di fronte a una posizione difficile, gli Stati Uniti proposero all’Unione Sovietica un trattato sull’uso pacifico dello spazio. Nel gennaio 1967, per esempio, fu firmato il Trattato sullo spazio, che proibisce il posizionamento di armi nucleari sull’orbita della terra, sulla luna o su altri corpi celesti, o almeno per metterli in uno spazio atmosferico (al di fuori della terra).

Subito dopo, nel luglio 1968, fu firmato il Trattato di non proliferazione (TNP). Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Unione Sovietica lo promuovono, preoccupati dal fatto che altri paesi vogliano entrare nella cerchia delle potenze nucleari. L’articolo 1 recita: “Ciascuno degli stati nucleari militari si impegna a non trasferire armi nucleari a nessuno”. L’articolo 2 recita: “Ciascuno degli stati militari non nucleari, che è parte della Convenzione, si impegna a non ricevere armi nucleari o altri ordigni nucleari esplosivi da nessuno, né il potere su tali armi ed esplosivi, direttamente o indirettamente”. Le potenze nucleari si sono impegnate a proseguire i negoziati su una convenzione sul disarmo generale sotto controllo internazionale (articolo 6). L’Italia firmò il TNP nel 1969 e lo ratificò nel 1975.

È in questa fase che l’Europa è diventata la prima linea del confronto nucleare tra le due superpotenze. Tra il 1976 e il 1980, l’URSS dispiegò missili balistici a medio raggio sul suo territorio. Basandosi sul fatto che potevano colpire l’Europa occidentale dal territorio sovietico, a partire dal 1983, la NATO decise di schierare missili nucleari dagli Stati Uniti in Europa: 108 missili balistici Pershing II in Germania e 464 missili da crociera che potevano lanciato da terra tra Gran Bretagna, Italia, Germania Ovest, Belgio e Paesi Bassi.

In meno di 10 minuti dal lancio, il Pershing II schierato in Germania può colpire le basi e le città sovietiche, compresa Mosca, con le loro testate. Allo stesso tempo, i missili da crociera americani schierati a Comiso e in altre basi europee, volando a velocità subsoniche a una distanza di poche decine di metri lungo i contorni del terreno, erano in grado di sfuggire ai radar e colpire le città sovietiche. L’SS-20 schierato nell’area sovietica poteva a sua volta colpire le basi e le città dell’Europa occidentale in meno di 10 minuti dal lancio.

In Italia, a metà degli anni ’80, c’erano 112 testate nucleari schierato a Comiso e in altre armi nucleari statunitensi con un numero totale stimato di circa 700. Erano composte principalmente da miniere di fissione nucleare, artiglieria a proiettili nucleari e missili nucleari a corto raggio per l’uso in Italia. Ciò indica che il Pentagono vedeva l’Italia come una semplice pedina da sacrificare, un campo di battaglia nucleare da trasformare in un deserto radioattivo.

Durante la Guerra Fredda, dal 1945 al 1991, si accumulò arsenale nucleare nel mondo, che probabilmente raggiunse i 15.000 megatoni negli anni ’80 – l’equivalente di oltre un milione di bombe atomiche sganciate su Hiroshima. È come se ogni abitante del pianeta fosse seduto su 3 tonnellate di tritolo. Il potere dell’arsenale nucleare è più di 5000 volte maggiore di quello di tutti gli esplosivi usati durante la seconda guerra mondiale. Per la prima volta nella storia, è stata creata una forza distruttiva che può far sparire ogni cosa dalla superficie terrestre, dalla specie umana e da quasi ogni altra forma di vita, non solo una volta ma ripetutamente.

La NATO è stata rinnovata nel periodo dopo-Guerra Fredda
Nella seconda metà degli anni Ottanta, il clima della Guerra Fredda cominciò a cambiare. Il primo segno di scongelamento fu l ‘Intermediante Nuclear Weapons Convention (INF), firmato a Washington l’8 dicembre 1987 dal presidente Reagan e da Gorbaciov. Secondo l’INF, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica si impegnerebbero a eliminare tutti i missili di questa categoria, compresi i missili Pershing II e cruise stazionati dagli Stati Uniti nei paesi europei della NATO e gli SS-20 operati dall’URSS che erano stazionati nella loro zona. Nel maggio 1991, furono rimossi un totale di 2692 razzi in questa categoria.
Questo risultato importante è dovuto principalmente alla “offensiva del disarmo” lanciata dall’Unione Sovietica sotto Gorbaciov. Il 15 gennaio 1986, ha proposto non solo di eliminare i missili intermodali dai sovietici e dagli Stati Uniti, ma di attuare un programma generale per eliminare le armi nucleari entro il 2000. A Washington sapevano che Gorbaciov desiderava davvero l’eliminazione completa di queste armi, ma sapevano anche che un processo di disintegrazione ebbe luogo nel Patto di Varsavia e nella stessa Unione Sovietica, un processo che potrebbe aver luogo in ogni momento e visti dagli Stati Uniti e i loro alleati in modo molto opportuno.



Dopo la caduta del muro di Berlino nel novembre 1989, il Patto di Varsavia fu abolito nel luglio 1991. I sei paesi dell’Europa centrale e orientale che ne facevano parte non erano più alleati dell’URSS. La stessa Unione Sovietica fu sciolta nel dicembre 1991. Sono stati formati quindici stati invece di un singolo stato. La scomparsa dell’URSS e del suo blocco di alleanza ha creato una situazione geopolitica completamente nuova nelle regioni dell’Europa e dell’Asia centrale. Allo stesso tempo, il crollo dell’Unione Sovietica e la profonda crisi politica ed economica della Federazione Russa hanno segnato la fine dell’unico superpotere capace di competere con quello degli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti approfittarono immediatamente della “situazione rilassata” in Europa per concentrare le loro truppe nell’area strategica del Golfo Persico, dove prepararono le condizioni con una manovra intelligente per scatenare quello che il Pentagono “il primo post-freddo conflitto di guerra” chiamava un evento determinante nella leadership globale degli Stati Uniti “. Il 17 gennaio 1991, gli Stati Uniti hanno lanciato l’operazione Desert Storm contro l’esercito iracheno – “la più intensa campagna di bombardamenti della storia”.
Per più di 43 giorni, gli Stati Uniti e i loro alleati (compresa l’Italia) hanno utilizzato 2.800 aerei per far cadere circa 250.000 bombe, incluse bombe a grappolo, utilizzando un totale di oltre 10 milioni di submunizioni, mentre sparavano con armi, elicotteri e carri armati più di un milione proiettili all’uranio impoverito. La NATO, pur non partecipando come tale alla Guerra del Golfo, offriva alle unità della coalizione il sostegno di tutte le sue infrastrutture.
Parteciparono al bombardamento, insieme a forze aeree e navali americane, britanniche, francesi, italiane, greche, spagnole, portoghesi, belghe, olandesi, danesi, norvegesi e canadesi, mentre le truppe britanniche e francesi si unirono alle forze statunitensi nel paese.
Una nuova strategia, pubblicata dalla Casa Bianca nell’agosto del 1991, nominata “Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, è stata ufficialmente annunciata sei mesi dopo la fine della Guerra del Golfo. Il concetto centrale era che “gli Stati Uniti rimangono l’unico stato con potere, scala e influenza in ogni dimensione – politica, economica e militare – veramente globale: non c’è alcun sostituto per la leadership americana.” La nostra responsabilità, anche nella nuova era, è di importanza cardinale e inevitabile.
Un documento del Pentagono, redatto nel febbraio 1992, ha chiarito che “il nostro obiettivo principale è impedire che un nuovo rivale riemerga, sia nel territorio dell’ex Unione Sovietica o altrove, che rappresenta una minaccia nell’ordine di quello precedentemente proposto dall’Unione Sovietica: la nuova strategia richiede che operiamo per impedire che il potere ostile domini una regione le cui risorse sarebbero sufficienti per generare potere globale se strettamente controllato. Questa strategia sarà adottata in “tutte ” le regioni critiche della sicurezza degli Stati Uniti, tra cui Europa, Asia orientale, Medio Oriente, Asia sud-occidentale e il territorio dell’ex Unione Sovietica “. Abbiamo anche importanti interessi in America Latina, Oceania e Africa sub-sahariana “.
“Un punto importante – ha sottolineato la Casa Bianca nella Strategia di sicurezza nazionale 1991 – è come il ruolo dell’America come leader dell’Alleanza, e anche le nostre alleanze, sarà influenzato, soprattutto in Europa, dalla riduzione della minaccia sovietica. È probabile che le differenze tra gli alleati diventino più evidenti rispetto alle tradizionali cure di sicurezza con cui sono stati inizialmente riuniti. “In altre parole, gli alleati europei potrebbero fare scelte diverse da quelle degli Stati Uniti, mettere in discussione il leadership americana o persino lasciare la NATO, ormai obsoleta a causa della nuova situazione geopolitica. Era quindi della massima importanza per gli Stati Uniti ridefinire non solo la strategia, ma anche il ruolo della stessa NATO.
Il 7 novembre 1991, i capi di stato e di governo dei 16 paesi della NATO, riuniti a Roma all’Atlantic Consiglio, hanno lanciato “Il nuovo concetto strategico dell’Alleanza”. Anche se da un lato “la monolitica e massiccia minaccia che era la principale preoccupazione dell’Alleanza nei primi quarant’anni è scomparsa”, afferma il documento, “i rischi che rimangono per la sicurezza dell’Alleanza sono di natura multiforme e multidirezionale. La dimensione militare della nostra Alleanza rimane quindi un fattore essenziale, ma il fatto nuovo è che è più che mai al servizio di un ampio concetto di sicurezza. “In questo modo, l’Alleanza atlantica ha ridefinito radicalmente il suo ruolo secondo le linee stabilite da gli Stati Uniti.

Il “nuovo concetto strategico” della NATO viene applicato nei Balcani, dove la crisi jugoslava ha raggiunto il suo punto di rottura a causa delle contraddizioni tra i gruppi di potere e la pressione centrifuga delle repubbliche.Nel novembre 1990, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il contratto di tutte le nuove forme “democratico” della Jugoslavia, incoraggiando così gli sviluppi della separazione. A dicembre il parlamento della Repubblica croata,verificato dal partito di Franjo Tudjman, ha emesso una nuova costituzione secondo cui la Croazia è solo “la patria dei croati” ed è sovrana sul suo territorio. Sei mesi dopo, nel giugno 1991, la Slovenia ha dichiarato la propria indipendenza oltre alla Croazia. Subito dopo sono scoppiati scontri tra l’esercito federale e separatisti. A ottobre, in Croazia, il governo Tudjman espelle oltre 25 mila serbi. mentre le sue milizie occupano Vukovar. L’esercito federale è e riprende la città. La guerra civile si sta diffondendo, ma potrebbe ancora essere fermata.Il percorso che è stato intrapreso è, invece che diretto, rovesciato: la Germania,impegnata ad espandere la propria influenza economica e politica nei Balcani,riconosce la Croazia e la Slovenia come stati indipendenti nel dicembre 1991.Di conseguenza, il giorno dopo che i serbi della Croazia proclamano l’autodeterminazione, formano la Repubblica serba di Krajna. Nel gennaio 1992,prima il Vaticano e poi l’Europa dei Dodici hanno riconosciuto la Slovenia e anche la Croazia. La Bosnia ed Erzegovina è ora anche incendiata, che rappresenta in minima parte l’intera gamma di centri etnici e religiosi della Federazione jugoslava.Gli elmetti blu dell’ONU, vengono in Bosnia come forza di mediazione tra le parti in guerra, sono deliberatamente lasciati in numero insufficiente, senza mezzi e senza linee guida precise, e diventano ostaggi nel mezzo dei combattimenti. Tutto contribuisce a dimostrare il fallimento delle Nazioni Unite e la necessità di nascere in mano la situazione. Nel luglio 1992, la NATO ha lanciato la prima operazione di “risposta di crisi” per imporre l’embargo alla Jugoslavia.Nel febbraio 1994, gli aerei della NATO abbatterono aerei serbo-bosniaci che sorvolavano la Bosnia. È la prima azione bellica dalla fondazione dell’Alleanza.Con questo, la NATO viola l’arte. 5 del proprio statuto costitutivo, poiché l’azione bellica non è motivata dall’attacco a un membro dell’Alleanza e viene effettuata al di fuori dell’area geografica.Quando l’incendio si estingue in Bosnia (dove l’incendio è ancora sotto l’asse della divisione negli stati etnici), la NATO getta gas sull’epidemia del Kosovo,dove una rivendicazione di indipendenza da parte della maggioranza albanese è andata avanti per anni . Attraverso canali sotterranei, in gran parte gestiti dalla CIA, un fiume di armi e finanziamenti alimenterà l’UCK (Esercito di liberazione del Kosovo) tra la fine del 1998 e l’inizio del 1999, un’ala armata del movimento separatista in Kosovo. Gli agenti della CIA albanesi riferiranno inseguito che sono entrati in Kosovo nel 1998 e 1999 come osservatori dell’OSCEincaricati di verificare il cessate il fuoco, fornendo manuali militari statunitense telefoni satellitari all’UCK in modo che i comandanti dei guerriglieri può tenersi in contatto con la NATO e Washington. L’UCK può lanciare un’offensiva contro truppe e civili federali serbi, con centinaia di attacchi e rapimenti.Mentre gli scontri tra le forze jugoslave e UCK causano vittime a entrambe le parti, una potente campagna di media politici prepara l’opinione pubblica internazionale per l’intervento della NATO, che viene presentato come l’unico modo per “pulizia etnica” di serbo in Kosovo.

L’obiettivo prioritario è il presidente della Jugoslavia, Slobodan Milosevic, accusato di “pulizia etnica”.La guerra, chiamata “Operazione forze alleate”, inizia il 24 marzo 1999. Il ruolo dell’Italia è decisivo: il governo D’Alema rende il territorio italiano, in particolare gli aeroporti, a disposizione delle forze armate degli Stati Uniti e di altri paesi,per attuare ciò che il primo ministro definisce “il diritto all’interferenza umanitaria”. Durante 78 giorni, partiti principalmente dalle basi italiane, 1.100 aerei hanno fatto 38.000 voli, lasciando cadere 23.000 bombe e missili. Il 75 percento degli aerei e il 90 percento delle bombe e dei missili sono forniti dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono anche la rete di comunicazione, comando,controllo e intelligence che esegue operazioni: “Tra gli obiettivi del 2000 colpiti dagli aerei della NATO in Serbia – documentato in seguito il Pentagono – il 1999è stato scelto dai servizi di intelligence statunitensi e solo uno da Europei ».I bombardamenti hanno sistematicamente smantellato le strutture e leinfrastrutture della Serbia, causando vittime tra i civili.

Il conseguente dannoalla salute e all’ambiente non è quantificabile. Migliaia di tonnellate di sostanzechimiche estremamente tossiche (tra cui diossina e mercurio) provengonoesclusivamente dalla raffineria di Pancevo. Altri danni sono causati dall’usomassiccio della NATO in Serbia e Kosovo di proiettili all’uranio impoverito,anch’essi usati nella Guerra del Golfo.Anche 54 aerei italiani hanno partecipato al bombardamento e hanno attaccatogli obiettivi indicati dal comando americano. “In base al numero di aerei,eravamo secondi dopo gli Stati Uniti. L’Italia è un grande paese e nondovremmo essere sorpresi dall’impegno dimostrato da questa guerra “, affermail Presidente del Consiglio D’Alema durante la visita ad Amendola il 10 giugno1999, sottolineando che, per i piloti che ha partecipato “che è stata una grandeesperienza umana e professionale”.l 10 giugno 1999, le truppe jugoslave hanno iniziato a ritirarsi dal Kosovo e laNATO ha messo fine al bombardamento. La risoluzione 1244 del Consiglio disicurezza delle Nazioni Unite afferma che la presenza internazionale deve avere”una sostanziale partecipazione della NATO”. “Oggi la NATO affronta la suanuova missione: governare”, ha detto il Washington Post.Dopo la guerra, più di 60 agenti dell’FBI furono inviati dagli Stati Uniti inKosovo, ma nessuna traccia di tali scuse fu trovata per giustificare l’accusa di”pulizia etnica” dei serbi. Slobodan Milosevic, condannato a 40 anni di carceredal Tribunale penale internazionale dell’Aia per l’ex Jugoslavia, muore dopocinque anni di carcere. Lo stesso tribunale lo ha licenziato nel 2016 dall’accusadi “pulizia etnica”.Il Kosovo, dove gli Stati Uniti stanno installando una vasta base militare (CampBondsteel), sta diventando una sorta di protettorato della NATO. Allo stessotempo, sotto la copertura della “Forza della pace”, l’ex UCK terrorizzava edespulse oltre 250 mila serbi, rom, ebrei e albanesi che furono marchiati comecollaboratori. Nel 2008, con l’autodichiarazione del Kosovo come statoindipendente, fu completata la distruzione della Federazione jugoslava.Mentre la guerra contro la Jugoslavia è in corso, il vertice che formalizza latrasformazione della NATO è convocato a Washington il 23 e 25 aprile 1999.Un’alleanza che, ai sensi dell’articolo 5 del trattato del 4 aprile 1949,raccomandava ai paesi membri di assistenza, anche con le forze armate delloStato membro attaccato nell’Atlantico settentrionale, si trasforma inun’alleanza che, basata sul “nuovo concetto strategico”, obbliga anche gli Statimembri a condurre “operazioni di risposta non di crisi” di cui all’articolo 5 al difuori del territorio dell’Alleanza. ” In altre parole, la NATO si sta preparando aproiettare il suo potere militare oltre i suoi confini, non solo in Europa, maanche in altre parti del mondo.Ciò che non cambia, nella mutazione della NATO, è la gerarchia in essa. Èsempre il Presidente degli Stati Uniti a nominare il Supremo Comandante degliAlleati in Europa, che è ancora un generale americano, mentre gli alleati silimitano a ratificare la loro scelta. Lo stesso vale per gli altri compiti di prova.Il documento che richiede agli Stati membri di operare al di fuori dell’Alleanza,firmato dai leader europei a Washington il 24 aprile 1999, ribadisce che laNATO “sostiene pienamente lo sviluppo dell’identità di difesa europeaall’interno dell’Alleanza”. Il concetto è chiaro: l’Europa occidentale può avere lasua “identità di difesa”, ma deve rimanere all’interno dell’Alleanza, cioè sotto ilcomando americano.La subordinazione dell’Unione europea alla NATO è quindi confermata econsolidata. Subordinazione stabilita dal Trattato di Maastricht del 1992,riconoscendo il diritto degli Stati dell’UE di far parte della NATO come base perla difesa dell’Unione europea.L’Italia – partecipando alla guerra contro la Jugoslavia, un paese che non haintrapreso alcuna azione aggressiva contro l’Italia o contro altri membri dellaNATO, conferma che ha adottato una nuova politica militare e allo stesso tempouna nuova politica estera. Questo, usando il potere militare come strumento,viola il principio costituzionale, confermato dall’articolo 11, secondo cui “l’Italia rifiuta la guerra come strumento per attaccare la libertà di altri popoli come mezzo per risolvere le controversie internazionali”



Leave A Reply

Your email address will not be published.