L’anima esiste? Ecco cosa ci dice la scienza

0

L’anima esiste?

L’anima esiste?La scienza si sta avvicinando sempre di più a dare una spiegazione per l’esistenza dell’anima. Una sfida affascinante che l’umanità ha cercato di decifrare nel corso della sua storia. Gli esseri umani si sono sempre chiesti se l’anima esiste. È una domanda che ha portato a grandi discussioni e alla quale diverse discipline hanno cercato di rispondere in diverse occasioni.

Il nostro percorso andrà oltre lo spirituale. Perché, negli anni, diverse tradizioni religiose hanno confermato l’esistenza dell’anima. Ma qual è la posizione della scienza? Come viene affrontata questa domanda oggi? 

L’Anima è associata nel credere che via sia vito dopo la Morte,inoltre si ritiene che l’anima sia una guida con cui pensiamo e sentiamo differenziata dal corpo.

L’anima secondo le Religioni

Per diversi anni furono le religioni, perché collegate alla dimensione spirituale, ad essere incaricate di spiegarne l’esistenza.

Associata o meno al mondo spirituale, l’idea dell’anima viene dedotta, sostenendo che le prove della sua esistenza sono i misteri associati alla nascita, alla morte, ai diversi stati di coscienza, memoria e immaginazione . In questo modo, si suggerisce che l’anima sia come una sorta di forza o impulso vitale.

Secondo il filosofo e storico della scienza Thomas Kuhn , un paradigma scientifico è l’insieme di risultati di questo tipo che sono universalmente riconosciuti. Oltre a generare modelli di soluzioni e problemi nella comunità scientifica, i paradigmi sono soggetti a critiche.

L’attuale paradigma scientifico di solito non riconosce la dimensione spirituale. Piuttosto, sottolinea che non c’è bisogno di un’anima e ci spiega la vita attraverso le equazioni, l’attività del carbonio, l’attività delle proteine, ecc.

Ora, mentre la religione dà la risposta all’esistenza dell’anima dal punto di vista spirituale, associandola al trascendente e all’incorporeo; la scienza, l’associa alla materia. Cioè, lo comprende come sinonimo della mente, dalla visione poetica, o lo riduce al concetto di cognizione e coscienza .

Tuttavia, anche se la neuroscienza ha fatto grandi progressi nello spiegare il funzionamento del nostro sistema nervoso e nel cercare di spiegare le ragioni delle esperienze soggettive, rimane ancora un mistero. Quindi il problema dell’esistenza o meno dell’anima è correlato alla comprensione della natura del sé.

Attualmente, diverse teorie hanno iniziato a sfidare il paradigma scientifico. Soprattutto, il fisico-chimico. Un esempio di ciò è il biocentrismo, che enfatizza domande difficili sulla natura umana. Ad esempio, viene chiesto se l’anima esiste o se esista qualcosa nell’al di là .

L'anima esiste?
L’anima esiste?

Questa nuova visione dell’essere, del cosmo e della realtà, crede che la vita vada oltre gli atomi e le particelle. Ciò spiegherebbe cose come l’entanglement quantistico e il principio di indeterminazione. In effetti, alcuni autori sottolineano che la stranezza quantistica si verifica nel mondo su scala umana, come suggerito da Gerlich et al (2011) nel loro articolo ” Interferenza quantistica di grandi molecole organiche” .

Robert Lanza, uno scienziato americano, ha suggerito la teoria del biocentrismo. In questa teoria considera che la vita e la biologia sono essenziali per l’essere, la realtà e il cosmo e afferma che la coscienza crea l’universo e non il contrario. Quindi, non ignora l’approccio fisico-chimico alla spiegazione degli affari dell’essere, ma dà maggiore importanza a quello biologico.

Quindi, per altri piani di conoscenza scientifica, lo spazio e il tempo sono strumenti della mente e lo associano all’esistenza. Sfida che ci allontana dall’intuizione classica e suggerisce che una parte della mente o dell’anima è immortale ed esiste al di fuori di queste categorie.

In breve, alcune parti della scienza riconoscono l’anima, o perché la associano alla visione poetica o la riducono a cognizione. Altri continuano con la visione tradizionale di negarlo, mentre alcune teorie attuali iniziano a pensare alla sua esistenza, grazie a nuove scoperte che spiegano la natura dell’essere associati al tempo e allo spazio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.