La superficie dell’Artico tende a ritornare verde, come 125.000 anni fa

0

La superficie dell’Artico tende a ritornare verde, come 125.000 anni fa. Tale conclusione arriva da uno studio con campioni di specie oggi presenti nel luogo, come la betulla

L’Artico non è sempre stato coperto da una coltre bianca di ghiaccio e neve . Infatti, circa 125.000 anni fa, nell’ultimo periodo glaciale , la sua superficie era prevalentemente verde . Ciò è dovuto agli arbusti legnosi che popolavano l’area a nord della costa canadese dell’Oceano Artico, secondo una nuova ricerca dell’Università del Colorado Boulder .

Per questo studio, citato anche da Phys , è stato analizzato il DNA di piante di oltre 100.000 anni ottenute da sedimenti lacustri nell’Artico (il DNA più antico studiato fino ad oggi), rivelando prove della presenza di un arbusto originario del Canada settentrionale 400 chilometri a nord della sua posizione attuale.

Con l’aumento della temperatura nell’Artico (insieme ad altre regioni del pianeta) a causa dei cambiamenti climatici , queste scoperte appartenenti al passato possono essere una vera premonizione del futuro. Questa conclusione è il risultato di uno studio aggiuntivo per il quale sono stati raccolti campioni di specie ora presenti nel sito , come la betulla.

La betulla nana è una specie chiave di volta della tundra artica inferiore, dove gli arbusti più alti possono sopravvivere all’ambiente freddo e inospitale . Sebbene le popolazioni di betulle nane non si trovino comunemente oltre la parte meridionale dell’isola di Baffin nell’Artico canadese, gli specialisti hanno trovato il DNA di questa pianta in antichi sedimenti lacustri dimostrando che cresceva molto più a nord.

La superficie dell'Artico tende a ritornare verde
La superficie dell’Artico tende a ritornare verde

Aumento della temperatura di 5º

“È una differenza piuttosto significativa rispetto all’attuale distribuzione delle piante della tundra ” , ha affermato Sarah Crump, ricercatrice post-dottorato presso l’ Istituto per la ricerca artica e alpina (INSTAAR).

Nell’ultimo periodo interglaciale, tra 116.000 e 125.000 anni fa, questa vegetazione impiegò migliaia di anni per adattarsi e muoversi in risposta alle alte temperature. A causa del rapido progresso del riscaldamento globale, è molto probabile che queste popolazioni non stiano tenendo il passo 

Tuttavia, ciò non esclude che giocheranno un ruolo importante sia nello scioglimento del permafrost , come in quello dei ghiacciai, sia nell’innalzamento del livello del mare. “Mentre riflettiamo su come raggiungeranno il loro equilibrio con il riscaldamento globale, è davvero importante considerare come queste piante interromperanno il delicato equilibrio degli ecosistemi artici”, ha detto Crump.

Poiché l’Artico potrebbe facilmente avere un aumento di 5 gradi sopra i livelli preindustriali entro il 2100, la stessa temperatura dell’ultimo periodo interglaciale, questi risultati aiutano a capire meglio come i suoi paesaggi potrebbero essere alterati e i cambiamenti che tutto ciò genererebbe in tutto il pianeta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.