La prossima pandemia è già iniziata: il covid ha accelerato la nascita di superbatteri.

0

La Prossima Pandemia È Già Iniziata: Il Covid Ha Accelerato L’emergere Di Superbatteri.

Le autorità avvertono che gli antibiotici non funzionano più e che l’umanità si sta dirigendo verso un futuro in cui qualsiasi ferita potrebbe essere letale.

Muñoz è il co-direttore del Piano nazionale contro la resistenza agli antibiotici, l’iniziativa della Spagna per cercare di frenare una delle più grandi minacce per l’umanità.

I farmaci antibatterici non funzionano più, ad una velocità accelerata dall’eccessivo ed errato consumo durante la pandemia di covid.

Lo scienziato ci invita ad immaginare la vita quotidiana senza antibiotici, un mondo spaventoso in cui qualsiasi infezione potrebbe essere letale. Nessun parto cesareo, nessun trapianto di organi, nessuna operazione al menisco, nessuna sostituzione dell’anca.

“Sarebbe un passo indietro nei progressi medici di quasi 100 anni”, avverte Muñoz. “Succedevano cose a cui non pensavamo nemmeno, come un bambino che cade, si taglia il ginocchio, lo porti in ospedale e il medico ti dice che non c’è niente da fare, che gli dispiace molto”, spiega.

Alcune malattie batteriche – come la polmonite, la tubercolosi, la gonorrea e la salmonellosi – sono già a corto di trattamenti efficaci.

La chemioterapia, che favorisce le infezioni microbiche nei malati di cancro abbassando le loro difese, sarebbe anche una pratica ad alto rischio in assenza di antibiotici. “Non saremmo più in grado di curare le persone, ma anche gli animali. Non saremmo in grado di produrre cibo sano”, avverte Muñoz. Il ritorno delle malattie del XIX secolo sarebbe stato aggravato dalle carestie.

La settimana globale della consapevolezza antimicrobica inizia il 18 novembre e le autorità stanno suonando le trombe dell’apocalisse. Un rapporto preparato per il governo britannico ha avvertito nel 2016 che i microbi resistenti ai farmaci – soprattutto i batteri – stavano già uccidendo 700.000 persone nel mondo ogni anno e che ci potrebbero essere 10 milioni di morti entro il 2050, più di quelli causati dal cancro.

Prossima Pandemia È Già Iniziata
Prossima Pandemia È Già Iniziata

Il microbiologo Bruno González Zorn avverte che il covid ha peggiorato la pandemia silenziosa dei superbatteri. “I 10 milioni di morti potrebbero non verificarsi più nel 2050, ma nel 2040 o 2030″, avverte.

I batteri si moltiplicano ogni 20 minuti e a volte subiscono delle mutazioni che si rivelano uno scudo contro un antibiotico.

E la cosa più preoccupante è che possono passare questi nuovi geni di resistenza ad altri batteri vicini, anche di altre famiglie. “È come se io imparassi il tedesco e ti trasmettessi l’abilità”, spiega González Zorn, professore alla facoltà di medicina veterinaria dell’Università Complutense di Madrid. Più gli antibiotici sono usati, più i batteri si evolvono per resistere ad essi.

González Zorn sostiene che si sta formando “una tempesta perfetta” e mostra i dati degli ospedali spagnoli durante la prima ondata di covidi. Da febbraio a marzo 2020, l’uso di azitromicina, un antibiotico usato nella disperazione per vedere se funzionava anche contro il virus SARS-CoV-2, è aumentato del 400%.

Il consumo di doxiciclina è aumentato del 517%. In Spagna, questi livelli sono tornati rapidamente alla normalità, ma sono rimasti dilaganti in altre regioni del mondo, come l’America Latina. “Durante la pandemia di covid, sono stati usati così tanti carbapenemi [un tipo di antibiotico] che in alcuni paesi, come il Cile, abbiamo i livelli di resistenza che ci aspettavamo di avere nel 2030. Abbiamo accelerato di 10 anni. Siamo molto allarmati”, dice il ricercatore.

Abbiamo i livelli di resistenza che ci aspettavamo di avere nel 2030. Abbiamo accelerato di 10 anni.

Il microbiologo è uno dei 15 membri di un gruppo internazionale di scienziati creato recentemente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per identificare quali antibiotici sono essenziali per la salute umana, con l’obiettivo di schermare il loro uso in modo che continuino a funzionare. Queste droghe sono come il Gruppo Operazioni Speciali (GEO), l’unità d’elite della Polizia Nazionale.

Se sono necessari e non funzionano, dopo di loro non c’è niente. Sono l’ultima risorsa. E i carbapenemi sono proprio uno di questi ultimi proiettili.

l’OMS ha diffuso nel febbraio scorso un appello: “Non lasciamo che la crisi dei covid si trasformi in una catastrofe della resistenza antimicrobica”. In alcuni paesi, lo scenario è agghiacciante. I medici dell’ospedale Almenara di Lima hanno avvertito dell’uso “irrazionale e indiscriminato” degli antimicrobici in Perù durante la pandemia. Anche gli esperti di Stati Uniti, India, Messico e altri paesi hanno lanciato l’allarme.

La microbiologa Ana Maria de Roda Husman, olandese con padre spagnolo, avverte che i meccanismi di resistenza devono apparire solo una volta. “Allora il vaso di Pandora è già aperto”, dice. Il suo team, dell’Istituto Nazionale di Sanità Pubblica dei Paesi Bassi, ha rilevato batteri resistenti al carbapenem ovunque nelle acque reflue del paese.
L’impianto idraulico degli ospedali, così come quello domestico, contribuisce alla diffusione dei superbatteri in natura. La minaccia di combinazioni inimmaginabili è alle porte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.