Home alimentazione La Cina accusa Coca-Cola! influenza la politica alla lotta contro l’obesità

La Cina accusa Coca-Cola! influenza la politica alla lotta contro l’obesità

by admin
0 comment

Coca Cola sul banco degli imputati

Mentre l’epidemia di obesità affligge la Cina, la Coca-Cola riesce ad influenzare le politiche sanitarie nel paese per impedire la creazione di una tassa del 20% sulle bevande zuccherate e altre misure raccomandate dalle misure dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo una nuova ricerca fata dall’Università di Harvard (USA).

La Cina è il terzo paese che consuma il colosso americano Coca-Cola. Nel 2011, il 42% degli adulti cinesi era sovrappeso o obeso, più del doppio rispetto a due decenni prima, questo è quanto emerge secondo i dati ufficiali .

Insomma, Coca-Cola sale di nuovo sul banco degli imputati. Questa volta per le spregiudicate politiche commerciali portate avanti in Cina


Nel 2015, il New York Times aveva iniziato a parlare, in una serie di reportage investigativi, dell’aggressiva strategia del colosso di Atlanta proprio sulla questione del ruolo dell’attività fisica e della dieta nell’insorgenza dell’obesità.

Loading...

Ciò non ha impedito all’azienda di continuare a perseguire le sue politiche, riportando la Cina indietro di decenni rispetto ai Paesi occidentali, come ha commentato l’esperto di nutrizione globale Barry Popkin, che ha lavorato nel Paese asiatico per decenni.

La Cina accusa Coca-Cola! influenza la politica alla lotta contro l’obesità

La ricercatrice Susan Greenhalgh disegna “una complessa rete di contatti istituzionali, finanziari e personali” attraverso i quali la compagnia statunitense ha ottenuto “una posizione di potere dietro le quinte che permette alla politica del governo cinese di evitare di combattere la crescente epidemia di obesità “.

 Greenhalgh punta direttamente all’Istituto Internazionale di Scienze della Vita (ILSI), un’organizzazione creata nel 1978 che mira ad essere “un forum altamente affidabile per generare, raccogliere e discutere dati scientifici su questioni di impatto sulla salute pubblica”. “, Secondo il suo sito web. L’ILSI – fondato da un vicepresidente di Coca-Cola, Alex Malaspina – è finanziato da decine di aziende del settore alimentare, come Coca-Cola, McDonald’s, Nestlé e PepsiCo.

Leggi Anche

Leave a Comment