Parlerà con l’Italia della Legge di Bilancio come fa con tutti i Paesi dell’Unione europea, ma un paletto è ineludibile: il rispetto delle regole europee. Da cui non si può prescindere, pena le reazioni “virulente” degli altri membri dell’Unione. A poche ore dall’arrivo a Bruxelles della manovra italiana, il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker ha anticipato le sue mosse in un incontro con la stampa audiovisiva italiana. Parole che non si prestano a interpretazioni alternative: “Se accettassimo il derapage” previsto dalla manovra rispetto alle regole europee“alcuni Paesi ci coprirebbero di ingiurie e invettive con l’accusa di essere troppo flessibili con l’Italia” ha detto Juncker. A cui ha risposto, via social, il vicepremier Luigi Di Maio, che dopo aver difeso i contenuti della Legge di Bilancio ha attaccato: “Juncker dica chi davvero prende decisioni in Ue. E continui pure a rivoltarsi, gli rimane tempo ancora fino a maggio“.

Il numero uno della Commissione ha anche ripetuto che la dinamica della finanza pubblica italiana “mi dà molte preoccupazioni“, ma “non abbiamo pregiudizi: ne discuteremo con l’Italia come facciamo con tutti gli altri Paesi”. Successivamente Juncker ha annunciato che nel pomeriggio avrà un colloquio telefonico con il premier Giuseppe Conte.

“Non abbiamo ancora messo in questione il bilancio dell’Italia – ha aggiunto – Abbiamo lanciato degli avvertimenti, forse prematuri. Se accettassimo tutto quello che il governo italiano propone – ha specificato ancora – avremmo delle controreazioni virulente in altri Paesidella zona euro“. Entrando nel merito della Legge di Bilancioitaliana, Juncker ha detto di non avere “commenti da fare sulle misure contenute” nella manovra, ma di guardare “ai risultati in termini di bilancio e saldo“. Il punto, a sentire il presidente della Commissione Ue, è quello di “rispettare gli impegni presi. Quello dei contenuti è un affare italiano” e “se dicessimo che siamo contro” questa o quella misura “ci attaccherebbero. Giudicheremo senza entrare nei contenuti”.