Inquinamento globale: Rilevate nuove sorprese.

inquinamento globale

le stime sull’inquinamento globale rivelano nuove sorprese

Non è insolito imbattersi in titoli sull’inquinamento o sul riscaldamento globale e scoprire che essi giungono a conclusioni diverse a seconda della fonte dei dati.


I ricercatori dell’Università di Washington a St. Louis hanno utilizzato un approccio armonizzato, incorporando dati provenienti da più satelliti e monitor terrestri con modellazione al computer per compilare una mappa completa e coerente dell’inquinamento in tutto il mondo. I loro dati coprono il periodo 1998-2018, fornendo un quadro attuale dello stato della qualità dell’aria nel mondo che rivela alcune sorprese, nel bene e nel male.

La ricerca è stata condotta da Melanie Hammer, una ricercatrice post-dottorato nel laboratorio di Randall Martin, professore di ingegneria energetica, ambientale e chimica alla McKelvey School of Engineering.

I risultati del loro studio che ha esaminato le particelle PM2.5-tiny che sono in grado di penetrare in profondità nel sistema respiratorio di una persona sono stati pubblicati il 3 giugno su Environmental Science & Technology.

“Gli studi precedenti che hanno esaminato il PM2,5 a lungo termine non hanno utilizzato dati così recenti come noi”, ha detto Hammer. I dati più vecchi non possono catturare i risultati di molti programmi volti a ridurre l’inquinamento, anche se sono in vigore da quasi un decennio.

Questo si è rivelato essere il caso della Cina, dove un significativo calo dell’inquinamento nel recente passato è stato il risultato di strategie iniziate seriamente intorno al 2011. Altri set di dati non catturano il calo.

E in India – un’altra area di preoccupazione – la storia non è stata così positiva. “Sembra che ci sia un po’ un altopiano di livelli di PM2,5”, ha detto Hammer. Anche se, comunque, i livelli non stanno salendo così ripidamente come altri rapporti possono suggerire.

Il PM2.5 si riferisce alla dimensione delle particelle di 2,5 micron. Queste minuscole particelle sono create in natura, ma anche dalle attività umane, compresi alcuni processi di produzione, i gas di scarico delle auto e l’uso di cucine a legna.

Non è facile misurare la quantità di PM2,5 sul terreno perché non esiste una rete di monitoraggio completa che copra il globo. Il Nord America e l’Europa hanno sistemi di monitoraggio estesi, così come la Cina. Ma, ha detto Martin, “Ci sono grandi lacune nel monitoraggio a terra. Le persone possono vivere a centinaia di chilometri di distanza dai monitor”.

Per sviluppare una mappa completa dell’inquinamento, quindi, i monitor a terra sono semplicemente insufficienti.

Per catturare un’istantanea globale, il team di Martin ha iniziato con immagini satellitari di colonne di atmosfera che si estendevano dal suolo fino ai margini dello spazio. Utilizzando il modello stabilito GEOS-Chem, che simula la composizione dell’atmosfera, hanno potuto dedurre quanto PM2,5 dovrebbe essere a terra, in fondo a una data colonna.

Quando si confrontano le previsioni con i livelli reali misurati dai monitor a terra, l’accordo è stato sorprendente. Infatti, Martin ha detto: “È il miglior livello di accordo trovato finora”.

Ma i ricercatori sono andati comunque oltre.

L’accordo era ottimo, ma non perfetto. Così Hammer ha aggiunto le differenze tra le quantità di PM2,5 osservate e quelle previste e ha ampliato le previsioni a terra in tutto il mondo, colmando le enormi lacune tra i monitor.

inquinamento globale
inquinamento globale

Questo passo in più ha portato i livelli osservati e previsti di PM2,5 dall’81% al 90% di accordo.

Una volta che sono stati in grado di dare una buona occhiata ai livelli di inquinamento più recenti in tutto il mondo, i ricercatori hanno visto alcuni cambiamenti netti rispetto alle tendenze precedenti. In particolare in Cina.

“Siamo abituati a vedere solo grandi tendenze in aumento dell’inquinamento”, ha detto Hammer. Ma in Cina, “Quello che abbiamo scoperto, dal 2011 al 2018, è che in realtà c’è una tendenza negativa particolarmente grande”.

Altrove in Asia, il quadro non è così positivo.

Mentre i livelli di inquinamento non sembravano in aumento in India, il Paese sembra essere in una fase di altopiano. “L’ampio altopiano di concentrazioni molto elevate, a cui è esposta una vasta popolazione, è piuttosto preoccupante”, ha detto Martin. “Influisce sulla salute di un miliardo di persone”.

Tuttavia, il risultato di questa ricerca può essere, a conti fatti, promettente: Sembra mostrare una possibile via d’uscita.

“I dati che l’analisi di Melanie rivela sono una vera e propria storia di successo per i controlli della qualità dell’aria”, ha detto Martin. “Dimostra che possono essere notevolmente efficaci nel ridurre il PM2,5”. Anche se gli scienziati hanno saputo che questi controlli contengono il potenziale per avere un impatto, ha detto, “I cambiamenti in Cina sono molto drammatici, più grandi di quanto abbiamo visto in tutto il mondo nel corso del record di osservazione.

“Ciò illustra una reale opportunità di migliorare la qualità dell’aria attraverso controlli efficaci”.

Inquinamento, salute nel mondo

Nelle persone già malate di malattia come l’asma, il PM2,5 può avere conseguenze immediate sulla salute. A lungo termine, tuttavia, la respirazione di queste particelle comporta conseguenze per tutti.

“Il PM2.5 è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica a livello globale”, ha detto Melanie Hammer, ricercatrice post-dottorato nel laboratorio di Randall Martin della McKelvey School of Engineering. “È importante ottenere stime accurate dell’esposizione per stimare l’impatto sulla salute”.

Ecco perché le organizzazioni, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità e Global Burden of Disease, utilizzano i dati del laboratorio di Martin.

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *