Il Pentagono contro Trump, rifiuta lo schieramento dell’esercito per contenere le proteste

Il Pentagono contro Trump

Pentagono “Queste misure dovrebbero essere usate solo come ultima risorsa”, dice Mark Esper. Il suo predecessore in carica, Jim Mattis, attacca Trump e lo accusa di voler dividere gli americani

Il segretario alla Difesa americano Mark Esper si è dissociato dal presidente Donald Trump mercoledì scorso rifiutando lo spiegamento dell’esercito senza l’approvazione degli Stati per contenere la tempesta violenta scatenata dall’ondata di proteste antirazziste. “Non sono favorevole all’invocazione della legge sull’insurrezione”, ha detto alla stampa, “queste misure dovrebbero essere usate solo come ultima risorsa e nelle situazioni più urgenti ed estreme”. Non ci troviamo in una di queste situazioni”.

Questo dissenso pubblico, è stato visto come un vero e proprio schiaffo al repubblicano, seguito da una devastante dichiarazione pubblicata sulla rivista The Atlantic dall’ex capo del Pentagono Jim Mattis, che si è dimesso nel dicembre 2018 a seguito di un altro litigio pubblico con Trump per il ritiro delle truppe dalla Siria. Nel testo descrive il magnate di New York come una minaccia per la Costituzione e afferma: “Donald Trump è il primo presidente della storia che non cerca di unire il popolo americano. Invece, sta cercando di dividerci. Mattis, che si dichiara “costernato e arrabbiato” per la risposta della Casa Bianca alle mobilitazioni, aggiunge: “Militarizzare la risposta, come abbiamo visto a Washington, stabilisce un falso conflitto tra la società civile e quella militare.

Il Pentagono contro Trump
Il Pentagono contro Trump

Trump ha dichiarato lunedì che avrebbe fatto ricorso all’esercito per fermare gli atti vandalici se i governatori dello Stato, competenti in materia, non avessero avuto successo con le proprie forze di polizia e con il dispiegamento della Guardia Nazionale, un esercito di riservisti che dipendono da loro. Il capo del Pentagono, nominato da Trump meno di un anno fa, ha rifiutato questo: “Ho sempre pensato che la Guardia Nazionale sia più adatta ad affrontare le questioni interne”, ha detto.

Il presidente ha alzato con forza la bandiera della “legge e dell’ordine” in questo conflitto e, con la sua minaccia sui militari, è inciampato, come riflette il disaccordo pubblico di Esper. Ha giustificato alla stampa oggi, mercoledì, non avendo parlato delle proteste, iniziate con la morte di un uomo afroamericano a Minneapolis a causa di un brutale arresto di polizia. “Ci stiamo lavorando da circa una settimana. E quando si guarda all’escalation, sono passate 72 ore, forse 96. Ma penso che sia importante parlare e condividere ciò che vediamo, ancora una volta, come stabilito: il razzismo che esiste in America e come lo vediamo come stabilito”, ha detto.

Affinché un presidente possa schierare le truppe, dovrebbe invocare l’Insurrection Act, firmato da Thomas Jefferson nel 1807, per prevenire le rivolte contro il governo della nazione. Una disposizione approvata nel 1957 darebbe a Trump un modo legale per mobilitare le truppe se i governatori non gli obbediscono, il Washington Post ha citato martedì: “Quando un presidente ritiene che ci sia un’ostruzione illegale o una ribellione contro l’autorità degli Stati Uniti e l’applicazione della legge diventa impraticabile, può fare appello al servizio federale delle milizie o delle forze armate di ogni stato se ritiene necessario far rispettare quelle leggi o sopprimere la ribellione.

Il presidente Dwight D. Eisenhower ha usato l’Insurrection Act nel 1954 per scortare i nove bambini neri che hanno fatto la storia frequentando un liceo tutto bianco a Little Rock, Arkansas, in seguito alla sentenza della Corte Suprema – Brown contro Topeka Board of Education – che ha posto fine alla segregazione razziale nelle scuole. Nel 1992, il presidente George Bush Jr. ordinò anche alle truppe federali di Los Angeles di intervenire nei disordini in seguito all’assoluzione dei poliziotti che avevano picchiato Rodney King, ma fu su richiesta dell’allora governatore della California.

Esper (Uniontown, Pennsylvania, 56) è un militare in pensione con esperienza nel Congresso e come lobbista che si è rivolto alla Trump Administration nel novembre 2017 per assumere il comando dell’esercito. Era un compagno di classe dell’attuale Segretario di Stato Mike Pompeo alla West Point Military Academy e ha trascorso un decennio in servizio attivo, oltre a 11 anni nella Guardia Nazionale. Si è ritirato nel 2007, decorato, tra le altre missioni, come veterano della guerra del Golfo (1990-1991), per poi entrare nella giungla del potere a Washington. Così, è stato capo dello staff di un noto think tank conservatore, The Heritage Foundation; è stato consulente della campagna presidenziale del senatore repubblicano Fred Thompson nel 2008, e ha partecipato al Comitato di revisione economica e di sicurezza del Senato degli Stati Uniti e della Cina.

Le loro dichiarazioni arrivano dopo una nuova notte di manifestazioni negli Stati Uniti, più massicce in grandi città come Washington o Los Angeles, ma più pacifiche. Nella capitale degli Stati Uniti, l’unico territorio del paese in cui il presidente può ricorrere all’esercito, il presidente ha ordinato il dispiegamento di un battaglione della polizia militare, secondo il Dipartimento della Difesa. Si tratta di un’unità di 200-500 soldati provenienti da Fort Bragg, North Carolina.

Migliaia di manifestanti si sono radunati nelle principali città degli Stati Uniti ignorando il coprifuoco decretato e, ancor più, il braccio di ferro esposto il giorno prima da Donald Trump. Davanti alla Casa Bianca, dove lunedì le forze di sicurezza avevano sciolto una concentrazione pacifica di gas lacrimogeni, il numero di cittadini mobilitati è aumentato rispetto ai giorni precedenti; anche Los Angeles ha vissuto la sua più massiccia dimostrazione di questa crisi e, a New York, nonostante il maggiore dispiegamento di polizia, i saccheggi sono continuati, anche se con meno virulenza. Anche gli abitanti di Houston, Orlando, Florida e Philadelphia sono scesi in strada. L’ondata di proteste antirazziste scoppiata sulla scia della brutalità della polizia che ha ucciso George Floyd è continuata per un altro giorno, l’ottavo, e, nel caso di Washington, con maggiore forza, anche se è stata temperata dal vandalismo.

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *