Il fallimento globale dei 20 obiettivi per proteggere l’ambiente

0

Gli obbiettivi per Proteggere l’ambiente

Dieci anni fa, 170 paesi si erano impegnate a realizzare 20 obiettivi per la protezione della diversità e dell’ambiente.

Ora è il caso di assumersi le proprie responsabilità, e il quadro è desolante: nessuno di questi 20 obiettivi è stato raggiunto.
La Natura sta per collassare”, conclude un recente rapporto delle Nazioni Unite che valuta il rispetto dell’accordo.

“Il tasso di perdita della biodiversità è senza precedenti nel corso della storia dell’umanità e le tensioni si moltiplicano”, dice Elizabeth Maruma Mrema, segretario esecutivo della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica.

“Più l’umanità sfrutta la natura in modi insostenibili mettendo in repentaglio il suo contributo alle persone, più noi mettiamo a repentaglio il nostro benessere, la sicurezza e la prosperità.

Quali erano questi obiettivi, perché non sono stati raggiunti e cosa significa questo per il futuro della vita sulla Terra?L’accordo firmato chiamato Aichi 20 Goals for Biodiversity, mirava nel :

Proteggere il Pianeta dal il riscaldamento globaleproteggere la flora e la fauna selvatiche “Il tasso di perdita della biodiversità è senza precedenti nel corso della storia dell’umanità e le tensioni si moltiplicano”, dice Elizabeth Maruma Mrema, segretario esecutivo della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica.

Ma non solo, infatti negli accordi firmati, era presente la necessità di cambiare le abitudini di consumo, adottare diete più sane, ridurre gli sprechi alimentari, ottimizzare il consumo di energia e l’approvvigionamento di acqua potabile.
“Sappiamo cosa bisogna fare, cosa funziona e come possiamo ottenere buoni risultati”, dice il Segretario generale dell’ONU António Guterres nel rapporto.

Gli obiettivi includevano: dimezzare almeno il tasso di perdita delle foreste; prevenire la pesca eccessiva e il degrado della barriera corallina; implementare un’agricoltura sostenibile; ridurre i livelli di inquinamento; controllare le specie invasive che influenzano gli ecosistemi; prevenire l’estinzione delle specie in pericolo; conservare le fonti d’acqua.

Per ciascuno di questi indicatori, la frase più ripetuta nel rapporto è “l’obiettivo non è stato raggiunto”.

Dei 20 obiettivi, solo 6 sono stati “parzialmente” raggiunti: controllo delle specie esotiche e invasive, protezione delle aree terrestri e marine, equa ripartizione dei benefici derivanti dall’uso delle risorse genetiche, sviluppo di politiche per la protezione della biodiversità, avanzamento delle conoscenze scientifiche sulla biodiversità e allocazione di risorse finanziarie per la protezione della biodiversità.

Perché gli obiettivi non sono stati raggiunti?


“Le azioni che sono state intraprese devono essere ampliate in modo significativo”, dice il segretario Mrema.

In un articolo pubblicato sulla rivista Scientific American, diversi esperti analizzano che il fallimento dell’accordo di Aichi è dovuto al fatto che i paesi hanno avuto difficoltà ad affrontare la questione della conservazione, concentrandosi allo stesso tempo sulle loro economie e aumentando le loro popolazioni.

David Cooper, sottosegretario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, afferma che gli scarsi risultati sono dovuti anche a incentivi dannosi, come i sussidi all’industria dei combustibili fossili e la pesca eccessiva.

Anche la mancanza di risorse è un problema, secondo l’ONU. L’agenzia dice che ogni anno sono disponibili tra i 78 e i 91 miliardi di dollari per finanziare la protezione della biodiversità, ma conservativamente queste risorse dovrebbero essere dell’ordine di “centinaia di miliardi di dollari”.

L’ONU avverte che queste risorse sono superate dal sostegno alle industrie dannose per l’ambiente. “Questo include 500 miliardi di dollari in combustibili fossili e altri sussidi che potenzialmente causano danni all’ambiente”, dice il rapporto.

Il futuro non sembra essere promettente


L’orizzonte non sembra promettente, ma l’ONU dice che c’è ancora tempo per agire.

Tra le azioni che possono significare un cambiamento positivo, l’ONU menziona il mantenimento del cambiamento climatico a circa 1,5°C sopra i livelli preindustriali, per il quale la conservazione degli ecosistemi è fondamentale.

Indica anche che sono necessarie trasformazioni nella produzione di beni e servizi, soprattutto alimentari, dove c’è pressione per convertire i terreni in aree produttive.
Infine, si riferisce anche alla necessità di cambiare le abitudini di consumo, adottare diete più sane, ridurre gli sprechi alimentari e ottimizzare il consumo di energia e la fornitura di acqua potabile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.