I Talebani rispondono con la violenza alle prime proteste contro il proprio controllo

0

I Talebani applica la Violenza Alle Prime Proteste Contro Il Proprio Controllo – Il comportamento della milizia mette in discussione l’immagine di moderazione che cerca di proiettare nelle sue dichiarazioni pubbliche.

I talebani mercoledì hanno intensificato i contatti politici con altri leader afgani per formare un governo di cui hanno annunciato la volontà di essere “islamici e inclusivi”. Tuttavia, se le dichiarazioni e i gesti cercano di proiettare un’immagine lontana dalla brutalità che ha caratterizzato la dittatura esercitata tra il 1996 e il 2001, la realtà comincia a metterli alla prova.

La loro forza ha già risposto con violenza alle prime proteste: almeno tre persone sono state uccise e una dozzina sono rimaste ferite nella città di Jalalabad quando hanno aperto il fuoco su un gruppo di persone che aveva sostituito la bandiera dell’Emirato Islamico con quella dell’Afghanistan.

Una delegazione talebana, guidata da Anas Haqqani, ha incontrato l’ex presidente Hamid Karzai e il capo del consiglio superiore per la riconciliazione nazionale, Abdullah , nella casa di quest’ultimo a Kabul, secondo l’emittente privata afgana ToloNews. Anche se il contenuto dei loro colloqui non è stato reso pubblico, i due politici hanno formato un comitato di coordinamento questo lunedì per “facilitare il trasferimento del potere” a favore degli islamisti dopo che il presidente Ashraf Ghani è fuggito dall’Afghanistan .

Ghani, la cui posizione è sconosciuta da allora, è ospitato dalla sua famiglia negli Emirati Arabi Uniti (UAE), secondo una dichiarazione del Ministero degli Esteri degli UAE. La dichiarazione ha detto che la decisione è stata presa “per ragioni umanitarie”. L’ex presidente afgano si unisce così ad altri capi di stato o di governo ospitati da Abu Dhabi, tra cui il re spagnolo Juan Carlos I.

Karzai e Abdullah, i rivali politici di Ghani, danno l’impressione di volere un posto nel nuovo regime afgano. ToloNews ha anche rivelato che lunedì scorso hanno incontrato Amir Khan Motaqi, un membro importante della leadership talebana. Secondo fonti vicine a entrambi, Motaqi ha dato loro la sua parola di formare “un governo inclusivo”, un impegno che il portavoce degli islamisti, Zabihullah Mujahid, ha ripetuto anche durante la sua apparizione alla stampa il giorno seguente.

Tali affermazioni si scontrano con la realtà. Il gesto di nominare un capo contea della minoranza hazara, il mawlawi [studioso di religione] Mahdi a Balkhab lo scorso aprile, è stato seppellito con l’arresto di Salima Mazari, un politico hazara che guidava un’altra contea, e la distruzione a Bamiyan della statua di un leader hazara morto in prigione la volta precedente che la milizia ha governato (tra il 1996 e il 2001). Mentre il gesto non è paragonabile alla distruzione dei Buddha giganti che erano il tesoro archeologico della regione, manda esattamente lo stesso messaggio: gli estremisti sunniti non hanno rispetto per coloro che non condividono la loro ideologia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.