Gli incendi negli USA costringono all'evacuazione di mezzo milione di persone

L’incendio devasta migliaia di ettari in tre stati della costa occidentale americana. Almeno 15 persone hanno perso la vita e ci sono dozzine di dispersi

L’ondata di incendi che scuote gli Stati Uniti finora ha lasciato una dozzina di morti in California, quattro in Oregon e uno a Washington. Più di mezzo milione di persone hanno dovuto lasciare le proprie case per mettersi al riparo dalle fiamme, ovvero quasi il 10% della popolazione dell’Oregon (con 4,2 milioni di abitanti) è stata evacuata.

Kate Brown,sostiene che il numero dei defunti potrebbe aumentare. le squadre di emergenza continuano con i soccorsi, e sono davvero tante le famiglie che risultano al momento disperse.

Più di 12.500 chilometri quadrati sono stati bruciati dal nord dell’Oregon al confine degli Stati Uniti con il Messico, secondo il Washington Post .

L’Oregon non ha mai vissuto una stagione con incendi di questa portata

La causa degli Incendi nell’Oregon

Una combinazione di alte temperature sostenute da forti venti ha reso questo stato il centro degli incendi di questa estate. Il fenomeno si ripete ogni anno in California: piogge invernali che provocano erbacce in eccesso; temperature estreme in estate e siccità che eliminano completamente l’umidità, e raffiche di vento forte a settembre e ottobre che provocano incendi in tutto lo stato. Le risorse antincendio della California sono molte, eppure quest’anno sono al limite.

Il governatore Brown ha chiesto all’intero Stato di stare “in allerta” e ha avvertito che il pericolo durerà tutta la settimana. Le autorità stanno indagando se l’incendio scoppiato martedì fuori dalla città di Ashland, noto come incendio di Almeda e uno dei più letali della zona, sia stato appiccato. “Abbiamo buone ragioni per credere che ci fosse un elemento umano”, ha detto Rich Tyler, un portavoce dell’ufficio del maresciallo dei vigili del fuoco. “Procederemo come indagine penale fino a quando non avremo motivo di credere che sia stato altrimenti”.

L’Oregon ha chiesto alla Casa Bianca di dichiarare un’emergenza nazionale, che consentirebbe di mobilitare risorse federali nelle operazioni antincendio. Le risorse di questo Stato (con 4,2 milioni di abitanti) sono al limite, secondo il suo governatore. Mercoledì sera non c’è stata ancora nessuna risposta da parte dell’amministrazione Trump.

Da parte sua, nello stato di Washington, dove sono bruciati quasi 2.500 chilometri quadrati, un bambino di un anno è morto ei suoi genitori sono in condizioni critiche per non essere riusciti a sfuggire alle fiamme dell’incendio che ha avuto origine nella contea di Okanoga, a nord-est della regione.

La California nuovamente divora dalle fiamme

Nel frattempo, la California, che ha già una dozzina di morti, mantiene quasi trenta focolai senza estinguersi. Le autorità hanno emesso un’ordinanza per la chiusura dei 18 spazi naturali protetti di cui dispone a causa delle straordinarie condizioni di siccità, caldo e vento che stanno alimentando più di due dozzine di incendi in tutto lo Stato e che hanno già battuto il record storico di ettari bruciati . La cifra supera già il milione di ettari, 20 volte di più di quanto è stato bruciato l’anno scorso, quando la lotta contro l’incendio ebbe un discreto successo.

Nella Sierra Nevada, a nord-est di Fresno, il cosiddetto Creek Fire continua a bruciare in modo incontrollabile , un incendio che ha già consumato 66.000 ettari di area densamente boscosa. Si stima che abbia bruciato circa 360 case e ne minacci più di 5.000. Gli ordini di evacuazione e i blocchi stradali interessano vaste aree intorno a Fresno. 

La Guardia Nazionale ha dovuto effettuare diversi soccorsi in elicottero di gruppi di dozzine di persone intrappolate nel fuoco mentre trascorrevano il fine settimana del Labor Day nell’area. Nella notte dal lunedì al martedì hanno effettuato fino a otto missioni di soccorso.

La più grande preoccupazione delle autorità mercoledì è stata un nuovo incendio scoppiato il giorno prima intorno a Oroville, a nord-est di Sacramento.

. Mercoledì sera, lo sceriffo della contea, Kory Honea, che ha già dovuto affrontare quella tragedia, ha confermato di aver trovato tre corpi legati all’incendio in due luoghi diversi.

I 28 incendi attivi in ​​California hanno costretto all’evacuazione di 64.000 residenti in un punto o in un altro, ha detto al Los Angeles Times un portavoce di CalFire . Mercoledì e giovedì, il cielo sopra la baia di San Francisco ha contribuito al destino e all’oscurità, che sono spuntati completamente rosso fuoco da un piccolo fuoco vicino mescolato con la nebbia della città. I suoi residenti hanno condiviso le foto del cielo sui social media. L’inquinamento atmosferico causato dal fumo pesante sta mettendo a rischio la vita di milioni di residenti della costa occidentale.

Martedì il governatore della California ha ricordato che la situazione degli incendi in California peggiora anno dopo anno a causa dell’indurimento delle condizioni meteorologiche nell’ultimo decennio, che provoca sempre più piogge e sempre più aridità in uno stato abituato alla stabilità eccezionale nel clima. “Non ho pazienza per i negazionisti del cambiamento climatico”, ha detto Gavin Newsom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *