Donald Trump dichiara guerra ai social e firma un decreto contro la censura

Donald Trump firma un decreto per regolamentare i social media che censura l’opinione pubblica.

Donald Trump dichiara guerra ai social che censurano l’opinione pubblica: Il presidente degli Stati Uniti ha firmato un ordine esecutivo per aumentare la regolamentazione dei social media. Li accusa di censurare le opinioni che la pensano diversamente dalle masse mettendo in serio pericolo la libertà di opinione e la democrazia -questo, dopo che Twitter aveva per la prima volta controllato un tweet del presidente.

Il Segretario di Giustizia americano William Barr è stato incaricato di elaborare una legislazione più precisa in materia. Trump ha già detto che si aspetta azioni legali contro la sua mossa. I democratici considerano l’azione di Trump, una scusa per distogliere l’attenzione dai suoi fallimenti nella pandemia di Corona.

L’ordine mira alla protezione legale dei servizi online

TRUMP: IL CORONAVIRUS SARÀ ELIMINATO SENZA IL VACCINO.


Il decreto si concentra sulla protezione giuridica completa dei servizi online – una pietra miliare che ha reso possibile Facebook, Twitter e YouTube nella loro forma attuale. Trump vuole far rivedere una clausola nota come “Sezione 230”. In base a questa disposizione, i servizi online non saranno ritenuti responsabili per i contenuti pubblicati dagli utenti. Allo stesso tempo, permette alle piattaforme di agire contro determinati contenuti o utenti.

Barr ha sottolineato che la clausola non dovrebbe essere abolita, ma regolamentata. È stato messo a dura prova ben oltre il suo scopo originario. Si dovrebbero esaminare diverse opzioni legislative. L’ordinanza invita inoltre i ministeri e le autorità federali a rivedere le loro spese per la pubblicità e il marketing sulle piattaforme online.

Trump: Si tratta di proteggere la libertà di espressione


Trump sostiene che questa mossa ha lo scopo di proteggere la libertà di espressione e la democrazia. Le grandi piattaforme online hanno un “potere incontrollato” di censurare e limitare l’interazione. Non sono affatto piattaforme neutre su cui chiunque possa esprimere la propria opinione, ma cercano di sopprimere le opinioni che non corrispondono al loro punto di vista politico. “Non possiamo permetterlo”, avverte. “Questa censura e questo pregiudizio è una minaccia alla libertà”. Il presidente ha detto che si aspettava che venisse intrapresa un’azione legale contro le sue azioni, ma era determinato ad andare fino in fondo. “Ne abbiamo avuto abbastanza”.

La mossa di Trump è stata suggerita da un confronto con Twitter. La prima verifica del tweet del presidente è stata fatta nel notiziario di martedì. In essa, Trump sosteneva che il voto per corrispondenza era una pratica fraudolenta. Secondo il fact-check, questo è fuorviante. Trump ha poi accusato Twitter di aver interferito nelle elezioni presidenziali americane di novembre. Quando ha firmato l’ingiunzione, ha descritto il fact-check di Twitter come “inappropriato” e “attivismo politico”.

Nel 2012 Trump aveva scritto in un tweet: “Amo Twitter… È come possedere il proprio giornale senza le perdite”. Nel frattempo, il suo affetto sembra un po’ debole. Trump ha detto ancora una volta giovedì che se potesse, e se fosse legalmente possibile, vorrebbe chiudere la piattaforma. Ma è improbabile che Twitter perda presto il presidente come uno dei suoi utenti più accaniti. Quando gli è stato chiesto perché non ha semplicemente cancellato il suo account Twitter, Trump ha risposto: “Se avessimo una stampa equa in questo paese, lo farei subito”. Non c’è niente che gli piacerebbe di più, ha detto Trump. Ma, viste tutte le storie false su di lui, ha usato questo canale – “così posso smentire le notizie false”.

La portavoce di Trump, Kayleigh McEnany, ha detto che se qualcuno doveva essere controllato, erano i media. Alla domanda se ha affermato che il Presidente non diffonde mai falsità, ha risposto: “La sua intenzione è sempre quella di fornire informazioni veritiere al popolo americano”. Ha lasciato aperta la questione del successo che ha avuto nel realizzare questo “intento”.

L’ordine esecutivo di Trump è stato severamente criticato
La decisione di Trump è stata accolta con critiche feroci poco prima della firma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *