Di Battista vs Giannini: «Non faccia la verginella», «Mentre io lottavo lei faceva i balletti»

Di Battista vs Giannini: «Non faccia la verginella», «Mentre io lottavo lei faceva i balletti»

La serata del 16 novembre di Accordi e Disaccordi, sul Nove dalle 22,45, vede l’esponente di spicco del M5S Alessandro Di Battista affrontare il direttore di Radio Capital Massimo Giannini.

Ogni settimana sul Nove, nel programma di Andrea Scanzi e Luca Sommi due avversari si scontrano sui temi più caldi dell’attualità. Qualche volta i contendenti riescono a raggiungere un punto comune, qualche volta no.

Il grande tema del dibattito è il rapporto fra politica e informazione, che ha trovato la ribalta proprio questa settimana. All’assoluzione della sindaca di Roma Virginia Raggi nel processo sulle nomine comunali, i vertici del Movimento 5 Stelle – Di Battista in testa – hanno insultato la stampa, rea di aver data per certa la colpevolezza.

Di Battista contestualizza le sue parole. Afferma che l’insulto era diretto solo a coloro che hanno criticato la sindaca, e che il turpiloquio aiuta a fissare un concetto. Giannini ribatte che le accuse alla stampa, partite anche da Grillo e da Vito Crimi, sono state accompagnate da ambigue proposte di riforma dell’editoria.

“Non ne conosco il contenuto, e questo mi inquieta”

afferma Giannini.

Subito dopo la discussione ad Accordi e Disaccordi assume toni più accesi. L’ex deputato del Movimento 5 Stelle accusa Giannini di «fare la verginella», cioè si dimostra ingenuo rispetto agli abusi dei suoi colleghi giornalisti e alla necessità di una legge sul conflitto d’interessi. Il giornalista di Repubblica ribatte dicendo che, mentre Di Battista faceva i balletti in villaggi turistici, lui era in trincea a combattere contro il monopolio mediatico di Silvio Berlusconi.

ecco il video

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *