Crollo WhatsApp dopo le nuove condizioni e milioni di download di Telegram e Signal

0

Migliaia le disdette WhatsApp dopo le nuove condizioni e milioni di download di Telegram e Signal

Da quando WhatsApp ha annunciato i suoi termini di utilizzo, gli utenti di tutto il mondo stanno optando per altre applicazioni di messaggistica mobile.

In questo modo, Signal e Telegram, i principali rivali di WhatsApp, hanno registrato un forte aumento dei download.

Le due piattaforme affermano di avere rigorose politiche di protezione dei dati e di sicurezza per le comunicazioni dei propri utenti.

Nel frattempo, qualche giorno fa WhatsApp ha annunciato che i suoi utenti al di fuori della regione europea devono consentirle di condividere le proprie informazioni con la sua società madre, Facebook.

Chi non accetterà i nuovi termini di utilizzo prima dell’8 febbraio, non potrà continuare a utilizzare WhatsApp.

WhatsApp

Telegram e Signal offrono da anni servizi di messaggistica crittografata gratuita.

Secondo i dati della società di analisi Sensor Tower, Signal ha registrato 246.000 download la settimana prima dell’annuncio di WhatsApp il 4 gennaio.

Nella settimana successiva ha raggiunto 8,8 milioni di nuovi utenti.

In paesi come l’India, i download sono passati da 12.000 a 2,7 milioni.

Nel Regno Unito l’aumento è stato da 7.400 a 191.000 e negli Stati Uniti da 63.000 a 1,1 milioni.

Telegram, da parte sua, ha registrato 6,5 milioni di download in tutto il mondo nell’ultima settimana di dicembre e ha raggiunto gli 11 milioni nei sette giorni successivi all’annuncio di WhatsApp.

Solo negli Stati Uniti è passato da 272.000 nuovi utenti a 671.000 in quel periodo.

In un messaggio ai suoi utenti, questo martedì l’applicazione ha riferito di aver superato i 500 milioni di persone che utilizzano la piattaforma e che solo nelle ultime 72 ore ha avuto 25 milioni di download in tutto il mondo.

“Grazie! Questi risultati sono stati resi possibili da utenti come te che invitano i loro amici su Telegram”, ha affermato la piattaforma.

Ci sarà un cambiamento?

Durante lo stesso periodo, i download globali di WhatsApp sono scesi da 11,3 milioni a 9,2 milioni.

Nonostante ciò, Craig Chapple, analista di dati mobili di Sensor Tower, osserva che questo non significa necessariamente un grosso problema per WhatsApp, che è stato scaricato 5,6 miliardi di volte dal suo lancio nel 2014.

“Sarà difficile per i rivali rompere le abitudini degli utenti e continuerà a essere una delle piattaforme di messaggistica più popolari e utilizzate al mondo”, ha affermato.

Chapple osserva che “sarà interessante” vedere se questa tendenza a favore di Signal e Telegram continuerà o se gli utenti torneranno alla piattaforma di messaggistica a cui sono abituati.

Di fronte alle critiche, WhatsApp ha chiarito che i dati che condividerà con Facebook non includeranno messaggi, gruppi o registri delle chiamate.

Ma condividerà con la sua società madre il numero di telefono associato al nome dell’utente. Anche la marca e il modello di telefono che utilizza e l’azienda con cui ottiene il servizio.

Un altro degli aspetti più controversi è che verranno condivisi gli indirizzi IP (Internet Protocol), con cui è possibile stabilire la posizione delle connessioni di una persona.

Anche qualsiasi pagamento e transazione finanziaria effettuati tramite WhatsApp, per quanto tempo la persona utilizza l’applicazione e persino gli elenchi dei contatti .

Questi dati non saranno solo condivisi con Facebook. Potrebbero essere comunicati a Instagram e Messenger, anch’essi appartenenti al social network fondato da Mark Zuckerberg.

“La politica sulla privacy e gli aggiornamenti alle condizioni sono comuni nel settore e stiamo dando agli utenti ampio preavviso per rivedere le modifiche, che entreranno in vigore l’8 febbraio”, ha detto un portavoce di Facebook all’agenzia. notizie AFP.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.