Covid19: Secondo uno studio Ci sarà la seconda ondata in 10 Paesi: ecco quali

coronavirus

Lo studio prevede una Seconda ondata a causa del coronavirus in 10 Paesi.

Secondo uno studio Ci sarà del Guardian e dell”Università di Oxford la seconda ondata di coronavirus in 10 Paesi sarà quasi certa.

Questi dieci pesi stanno registrando un nuovo aumento dei casi (rispetto alla settimana scorsa) e rischiano una seconda ondata di epidemia. Fra questi Paesi, ci sono gli Stati Uniti, l’Iran, Arabia Saudita, la Germania e la Svizzera, ma non l’Italia.

Per i tedeschi lo spettro del Nordreno-Vestfalia


Anche la Germania vive con tensione questa fase dopo che martedì ha dovuto ripristinare le restrizioni per oltre 600mila persone in due distretti nella parte occidentale del Paese a causa di un focolaio scoperto in un mattatoio nel Nordreno-Vestfalia (infettati oltre mille e cinquecento lavoratori).

Altri casi sono scoppiati a Gottinga, Berlino – dove un intero isolato è finito in quarantena, nel quartiere di Neukoelln – e Kassel, in Assia. E anche se la Germania resta uno dei Paesi che ha fronteggiato meglio la pandemia finora, con 9mila decessi scarsi, nel Paese di Angela Merkel il dibattito è segnato dalla contrapposizione fra chi vuole accelerare il ritorno alla normalità – i ministri dell’Istruzione dei Laender hanno ad esempio deciso che dopo le ferie estive si tornerà a scuola a pieno ritmo e, dove possibile, senza distanziamento – e quanti invece frenano, temendo di scivolare di nuovo in piena crisi.

Un Paese viene considerato come “rilassato” se il suo indice di rigore sul distanziamento è sotto quota 70, su una scala di 100 messa a punto dai ricercatori della Blavatnik School of Government dell’Università di Oxford tenendo conto di diversi fattori. Il tasso di riproduzione dei contagi in Germania per esempio è arrivato nei giorni scorsi a 2,88 mentre l’indice di rigore scendeva da 73, dell’inizio di maggio, a 50.

Undici Paesi invece, fra cui Spagna e Italia, hanno rilassato le misure di distanziamento, il loro indice di rigore è inferiore a 70, ma continuano a registrare un calo dei casi. Non possono sentirsi al sicuro da una seconda ondata, ma la situazione è migliore. Dei paesi più colpiti dalla pandemia, sette sono ancora sono sotto lockdown, con indice di rigore compreso fra 70 e 80, e continuano a riportare un aumento dei casi. Fra questi vi sono il Brasile, dove malgrado la retorica negazionista del Presidente Bolsonaro i diversi stati mantengono attive le norme sull’isolamento, e l’India. Ma la situazione più grave è quella dei nove paesi che si trovano ancora nella prima fase dell’epidemia, con misure stringenti e casi in drastico aumento, fra cui Bolivia, Argentina e Colombia.

Recommended For You

Avatar

About the Author: Redazione Essere Informati

La Redazione di Essere Informati si pone come principale obiettivo la costante ricerca della verità per uno stile di vita consapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *