Cosa sono i Missili ipersonici usati dalla Russia?

0

Cosa sono i missili ipersonici? Le nuove armi della Russia nella guerra in Ucraina

La Russia sostiene di aver schierato per ben due volte i suoi missili ipersonici Kinjal (Dagger) Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’arma.

Armi ipersoniche: alta velocità e manovrabilità

Le armi ipersoniche sono in grado di viaggiare più veloce di Mach 5, ossia cinque volte la velocità del suono. Cioè circa 6.100 km/h. I missili balistici intercontinentali superano di gran lunga questa soglia, ma viaggiano su una traiettoria prevedibile, rendendo possibile l’intercettazione. Le nuove armi sono manovrabili.

I sistemi di difesa missilistica esistenti, compreso il sistema Aegis della marina statunitense, avrebbero difficoltà a intercettare tali oggetti perché la loro manovrabilità rende il loro movimento imprevedibile e difficile da intercettare.

Missili Avangard: sono 27 volte più veloci del suono

I missili ipersonici russi Avangard (“avanguardia” in russo), sono capaci di cambiare rotta e altitudine a velocità molto elevate, rendendoli “praticamente invincibili”

Testato con successo nel dicembre 2018, la loro velocità ha raggiunto “Mach 27”, o 27 volte la velocità del suono, e ha colpito un obiettivo situato a circa 6.000 km di distanza, secondo il ministero della difesa russo. Questi missili sono stati messi in servizio nel dicembre 2019.

Usati per la prima volta nella guerra in Ucraina dall’esercito russo, i missili ipersonici Kinjal (“pugnale” in russo) hanno distrutto un deposito sotterraneo di armi nell’Ucraina occidentale.

I missili altamente manovrabili sono in grado di eludere i sistemi di difesa aerea, secondo Mosca. Durante i test, hanno colpito tutti i loro obiettivi ad una distanza che va da 1.000 a 2.000 km. Tali missili possono essere lanciati anche Tramite aerei da guerra come gli MiG-31.

missili ipersonici

La prima volta dei missili ipersonici Kinjal

Secondo gli esperti, l’uso di armi ipersoniche in Ucraina è senza precedenti. Il missile balistico intercontinentale pesante Sarmat di quinta generazione dovrebbe eludere le difese antimissile.

Pesando più di 200 tonnellate, è più efficiente del suo predecessore – il missile Voevoda con una portata di 11.000 km – e non ha “praticamente alcun limite in termini di portata”, secondo Putin, che sostiene che può anche “mirare a obiettivi sia nel Polo Nord che nel Polo Sud”.

Sistemi laser da combattimento Peresvet e il drone subacqueo Poseidon

Le caratteristiche tecniche dei sistemi laser da combattimento Peresvet (“molto chiaro” in russo) sono classificate come segrete. Sono pronti al combattimento dal dicembre 2019, secondo il ministero della difesa.

Il Poseidon, è un drone sottomarino a propulsione nucleare, in grado di viaggiare a più di un chilometro di profondità, a una velocità di 60-70 nodi, pur essendo invisibile ai sistemi di rilevamento, secondo una fonte del complesso militare-industriale russo, citato dall’agenzia di stampa ufficiale TASS.

I primi test con questo dispositivo sono stati effettuati nella primavera del 2020 dal sottomarino Belgorod. Putin insiste sulla sua “portata illimitata”.

“Gamma illimitata” dei missili Burevestnik e Zircon
Sempre con una “portata illimitata”, secondo il presidente russo, e in grado di superare quasi tutti i sistemi di intercettazione, l’esercito russo sta sviluppando missili da crociera Burevestnik (“storm bird” in russo) a propulsione nucleare. Le loro caratteristiche tecniche sono classificate come segrete.

Il primo lancio ufficiale del missile ipersonico Zircon (dal nome di un minerale usato in gioielleria) è previsto per ottobre 2020. Vola a “Mach 9” per raggiungere obiettivi marini e terrestri.

Alla fine di dicembre 2021, Putin annunciò un primo tiro di prova riuscito di una salva di Zircon. Altri test sono stati condotti dall’ottobre 2020 nell’Artico russo, in particolare dalla fregata “Admiral Gorshkov” e da un sottomarino sommerso.

Gli Stati Uniti hanno accelerato lo sviluppo di armi ipersoniche

La marina degli Stati Uniti, secondo le informazioni trapelate, sarebbero in netto ritardo rispetto alla Russia nello sviluppo di armi ipersoniche. Ma per il prossimo anno, tali missili dovrebbero essere in pieno funzionamento. Al momento, Gli Stati Uniti sono in corsa con la Cina per lo sviluppo di queste armi.

L’arma statunitense verrebbe lanciata come un missile balistico e rilascerebbe un veicolo ipersonico che raggiungerebbe velocità da sette a otto volte la velocità del suono prima di raggiungere il suo obiettivo.

Nel Maine, la filiale di General Dynamics, Bath Iron Works, ha iniziato il lavoro di ingegneria e progettazione sulle modifiche necessarie per installare il sistema d’arma su tre cacciatorpediniere della classe Zumwalt.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.