Coronavirus: scoperta tracce di SARS-CoV-2 nelle acque reflue di 4 paesi

0

La scoperta tracce di SARS-CoV-2 nelle acque reflue di 4 paesi aumenta il mistero della sua origine

È una scoperta che solleva molte domande e potrebbe sostanzialmente modificare ciò che è noto finora sul virus che causa covid-19.

I ricercatori di almeno quattro paesi, tra cui il Brasile, hanno rilevato la presenza del nuovo coronavirus nei campioni di acque reflue raccolti mesi prima del primo caso ufficialmente registrato nella città cinese di Wuhan, considerata l’origine dell’attuale pandemia.

Gli scienziati indicano tre assi principali :

  • Monitoraggio: il rilevamento delle acque reflue può essere uno strumento completo ed economico per monitorare i progressi di covid-19. Ci sono almeno 15 paesi in cui questa strategia è stata adottata o è in fase di studio.
  • Possibile rischio per la salute: la presenza di materiale genetico del virus nelle feci indica che le acque reflue possono essere una via di infezione.
  • Origine della pandemia: il virus potrebbe essere circolato molto prima di quanto indicato nella cronologia ufficiale.

Per quanto riguarda il terzo punto, lo studio che ha attirato maggiormente l’attenzione è stato condotto da ricercatori dell’Università di Barcellona.

c’era una presenza del nuovo coronavirus in campioni congelati, raccolti in Spagna, dal 15 gennaio 2020 (41 giorni prima della prima notifica ufficiale di un contagio nel paese) e dal 12 marzo 2019 (nove mesi prima del primo caso riportato in Cina).

Ma come può un virus in grado di provocare una pandemia, senza attirare l’attenzione o creare un’esplosione di casi, come è accaduto a Wuhan?

Gli esperti citano almeno cinque ipotesi.

Uno è che i pazienti potrebbero aver ricevuto diagnosi errate o incomplete di malattie respiratorie, cosa che avrebbe contribuito alla diffusione iniziale della malattia.

Esistono anche due possibilità di problemi nell’analisi : una possibile contaminazione del campione o un risultato falso positivo, dovuto alla somiglianza genetica con altri virus respiratori o a guasti nel kit di test.

Infine, c’è chi parla di un virus in attesa di essere attivato.

Tom Jefferson, un epidemiologo collegato al Center for Evidence-Based Medicine presso l’Università di Oxford, ha dichiarato al quotidiano britannico The Telegraph che esiste un numero crescente di prove che l’ ARS -CoV-2 era molto diffuso prima che emergesse in Asia .

“Forse stiamo vedendo un virus latente che è stato attivato dalle condizioni ambientali”, ha detto.

Per Fernando Spilki, presidente della Società brasiliana di virologia, è necessario attendere ulteriori studi sull’argomento prima di trarre conclusioni sull’incidenza del virus mesi prima dell’origine nota della pandemia, a dicembre.

“Tutti questi risultati devono essere valutati con cautela. La caratteristica della SARS-CoV-2 di generare casi di elevata gravità e con una mortalità relativamente elevata nella popolazione rende improbabile che questo virus circoli in una regione senza evidenza di casi clinici ” .

I risultati in Brasile

In Brasile, un team guidato da ricercatori dell’Università Federale di Santa Catarina (UFSC) ha analizzato sei campioni da 200 ml di acque reflue grezze congelate, raccolti a Florianópolis dal 30 ottobre 2019 al 4 marzo 2020.

Il risultato dell’indagine è stato riflesso in un articolo, che non è stato ancora sottoposto alla revisione di altri accademici, in cui sottolineano che la presenza del virus è stata rilevata dal 27 novembre .

In quel campione, secondo loro, c’erano 100.000 copie del genoma del virus per litro di acque reflue, un decimo di quello identificato nel campione del 4 marzo. Santa Catarina ha registrato ufficialmente i primi due casi il 12 marzo, a Florianópolis.

Secondo i ricercatori, il virus è stato identificato nei campioni di acque reflue mediante il test RT-PCR, in grado di rilevare la presenza di SARS-CoV-2 a partire da 24 ore dopo la contaminazione del paziente. Questo test fondamentalmente converte l’RNA del virus (materiale genetico) in DNA per identificarne la presenza o meno nel campione esaminato.

“Questo dimostra che SARS-CoV-2 circolava nella comunità mesi prima che fosse riportato il primo caso ” nelle Americhe, scrivono gli autori dell’articolo.

La biologa Gislaine Fongaro, leader della ricerca e professore nel dipartimento di microbiologia, immunologia e parassitologia dell’UFSC, ha affermato che i primi risultati hanno suscitato scetticismo nel team.

Per questo motivo, hanno contattato altri dipartimenti dell’università per raccogliere e ripetere tutti i test con vari marcatori virali (che servono a impedire che altri virus simili confondano il rilevamento).

Secondo lei, la presenza del virus mesi prima della registrazione ufficiale può essere spiegata, ad esempio, dal fatto che le persone potrebbero o meno essersi ammalate o attribuire i sintomi ad altre malattie.

Ma, secondo Fongaro, solo studi futuri possono spiegare come il virus sia finito nella fogna di Florianópolis a novembre .

Il sequenziamento genetico del virus trovato nelle acque reflue potrebbe, ad esempio, essere confrontato con altri test simili effettuati in tutto il mondo per stimare la data precisa di origine di SARS-CoV-2.

Quando è iniziata davvero la pandemia?

La cronologia ufficiale della pandemia covida-19 è cambiata nel tempo perché resta ancora molto da scoprire sulla malattia, su come si diffonde e principalmente sulla sua origine.

Non è ancora chiaro come e quando il virus SARS-CoV-2 ha iniziato a infettare la specie umana.

Gli scienziati concordano sul fatto che il primo focolaio si sia verificato in un mercato di Wuhan che vendeva animali selvatici vivi e morti. Ma i ricercatori non sanno se il virus è apparso lì o “hanno approfittato” di quel luogo per diffondersi da persona a persona.

“Se mi chiedi cosa è più probabile, ti dico che il virus proviene da mercati che vendono animali selvatici”, ha detto alla BBC Yuen Kwok-yung, un microbiologo dell’Università di Hong Kong.

Le lacune rimangono. I primi casi di covid-19 sono stati segnalati ufficialmente alla fine di dicembre, ma uno studio condotto da medici a Wuhan, pubblicato a gennaio dalla rivista medica The Lancet , ha scoperto che il primo caso noto di covid-19 in un essere umano si era verificato settimane prima .

Il paziente era un uomo anziano di Wuhan che non aveva alcun legame con il mercato.

Anche la cronologia della pandemia in Brasile potrebbe cambiare.

La prima diagnosi ufficiale nel paese è avvenuta il 26 febbraio. Era un uomo d’affari di 61 anni, residente a San Paolo, che stava tornando da un viaggio in Italia, dove stavano iniziando a emergere numerosi casi.

Ma le analisi condotte dai ricercatori della Oswaldo Cruz Foundation (Fiocruz) rivelano che in Brasile c’era almeno un caso di S ARS -Cov-2 un mese prima , tra il 19 e il 25 gennaio.

Secondo tale studio, il virus sarebbe anche circolato tra gli abitanti del paese un mese prima di quanto stimato dal governo federale.

Per giungere a queste conclusioni, Fiocruz si è basato principalmente su due elementi: l’analisi retrospettiva dei campioni raccolti dai pazienti nei mesi precedenti e il confronto tra il numero di persone con malattie respiratorie senza causa apparente rilevate nel 2020 con quelle degli anni precedenti.

Ma come possono essere risolti questi vuoti? Alcuni esperti sostengono di fare ricerche usando metodi della vecchia scuola.

“Questi focolai devono essere adeguatamente investigati con le persone sul campo, una per una . Devi fare ciò che John Snow ha fatto. Metti in discussione le persone e inizi a costruire ipotesi che si adattano ai fatti, e non viceversa”, ha detto l’epidemiologo Tom Jefferson, collegato all’Università di Oxford, in un’intervista a The Telegraph.

Il Dr. John Snow (1813-1858) è considerato uno dei fondatori dell’epidemiologia moderna. Nel 1854, decise di investigare sul posto un focolaio di colera che stava colpendo Londra . La malattia aveva ucciso decine di migliaia di persone in quella città negli ultimi due decenni.

La neve non accettava la teoria più diffusa al momento, secondo la quale il contagio era dovuto a “aria marcia e stantia”.

Nella sua famosa analisi dei dati, Snow ha intervistato i residenti della città e ha aperto la strada a una mappatura caso per caso e alla fine ha determinato che la causa dell’epidemia era in realtà una fonte pubblica di acqua contaminata dai rifiuti.

La scoperta ha innescato una rivoluzione nella ricerca sulla diffusione della malattia.

È possibile che SARS-CoV-2 si diffonda nelle acque reflue?

La presenza del nuovo coronavirus nelle feci aumenta la possibilità di contagio attraverso le acque reflue.

Nel 2003, durante la pandemia di un altro virus SARS-CoV, l’infezione di centinaia di residenti nello stesso edificio di Hong Kong è stata attribuita a perdite nella rete fognaria.

Nell’attuale pandemia, non vi sono ancora prove che ciò si sia verificato o che la trasmissione di SARS-CoV-2 sia praticabile dopo essere stata escreta nelle feci.

Non esiste inoltre alcuna raccomandazione ufficiale sull’uso della candeggina per contenere il contagio attraverso le acque reflue, come è stato fatto circolare nei gruppi di WhatsApp. La contaminazione si verifica principalmente attraverso il tratto respiratorio .

Gli studi indicano che il sistema di trattamento delle acque reflue può eliminare la presenza del virus, ma la precaria situazione sanitaria in paesi come il Brasile può portare allo scarico di una grande carica virale nei fiumi senza un trattamento adeguato.

Secondo i dati del National Sanitation Information System, corrispondente al 2018, solo il 46% delle acque reflue generate in Brasile è adeguatamente trattato.

La mancanza di servizi igienico-sanitari in quel paese genera oltre 300 mila ricoveri ospedalieri all’anno, ma non è ancora possibile affermare che la presenza di coronavirus nelle acque reflue rappresenti un rischio per la salute della popolazione.

La SARS-CoV-2 può comparire nelle feci di fino a metà dei pazienti covidi-19, compresi quelli che hanno avuto la diarrea, un sintomo riportato da 1 su 5 pazienti.

Alcuni studi indicano che, in generale, il virus appare nelle feci circa una settimana dopo i sintomi e può rimanere per altre cinque settimane dopo il recupero del paziente.

Secondo alcune indagini, il metodo per monitorare la presenza del virus nel sistema fognario di una città consente di avvisare dell’esistenza di un focolaio tra sette e dieci giorni prima della registrazione ufficiale .

Uno dei vantaggi di questo approccio è che consente anche il monitoraggio di pazienti senza sintomi o che non sono stati diagnosticati.

A Belo Horizonte, ad esempio, un progetto pilota della National Water Agency (ANA) analizza campioni di acque reflue e indica che il numero di persone infette può essere 20 volte superiore a quello dei casi confermati ufficialmente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.