AstraZeneca: Un nesso con le trombosi c’è

0

Vaccino AstraZeneca: Un nesso con le trombosi c’è

A sostenerlo è Marco Cavaleri, responsabile della strategia sui vaccini di Ema che in una intervista rilasciata al messaggero dice: “Secondo me ormai possiamo dirlo, è chiaro che c’è un’associazione con il vaccino. Cosa causi questa reazione, però, ancora non lo sappiamo”

“Ora è sempre più difficile sostenere che non esiste una relazione di causa ed effetto tra la vaccinazione con AstraZeneca e casi molto rari di coaguli di sangue insoliti associati a una bassa conta piastrinica”, aggiunge.

Tuttavia, l’EMA “non ha ancora raggiunto una conclusione” sulla relazione del vaccino con i casi insoliti di coagulazione del sangue rilevati in alcuni paesi europei.

Il Comitato per la valutazione dei rischi di farmacovigilanza (PRAC) ha programmato una serie di riunioni da oggi fino a venerdì prossimo per concludere la sua indagine su questi casi di tromboembolia, e “non appena avrà completato la sua valutazione” di tutti i rapporti disponibili, “comunicherà” le conclusioni in una conferenza stampa.

“Stiamo cercando di ottenere un quadro preciso di ciò che sta accadendo, per definire in dettaglio questa sindrome dovuta al vaccino”, dice. Sottolinea che “tra i vaccinati c’è un numero superiore al previsto di casi di trombosi cerebrale con carenza di piastrine tra i giovani”. E aggiunge: “Questo dobbiamo dirlo”. continua Marco Cavaleri

“Dobbiamo avere dati molto precisi sul rapporto rischio-beneficio”

L’EMA comincerà a dare “alcune definizioni preliminari” già da questa settimana, ma non può ancora “indicare limiti di età come hanno fatto diversi paesi”.
“Siamo un’agenzia di regolamentazione e dobbiamo avere dati molto precisi sul rapporto rischio-beneficio”, continua. Interrogato sul fatto che paesi europei come l’Olanda e la Germania hanno già messo dei limiti a questo farmaco per certe età, Cavaleri sostiene che “chi deve gestire una campagna di vaccinazione, anche senza avere tutti i dati a disposizione, può decidere di riservare AstraZeneca ai più anziani”.


“Possono farlo, possono applicare un principio di precauzione tenendo conto che hanno altri vaccini disponibili. Noi, comunque, decidiamo in relazione a quel particolare vaccino”, dice.
Riconosce che sarebbe “preferibile” avere un consenso a livello europeo, ma ammette che “non è facile”. “Capisco la richiesta europea di avere una sola voce forte, ma non so se saremo in grado di avere un’indicazione di questo tipo questa settimana. Sicuramente le informazioni sui farmaci saranno aggiornate, affermando che alcuni eventi avversi sono legati al vaccino”, conclude.


La Commissione decide di aspettare


La Commissione europea ha rifiutato di commentare le dichiarazioni di Cavaleri e si è limitata a segnalare che è necessario aspettare l’analisi dell’EMA. Stella Kyriakides, commissario per la salute, ha detto in un messaggio sui social network che è “in stretto contatto con l’EMA sulla valutazione della farmacovigilanza del vaccino AstraZeneca”. La valutazione è prevista per mercoledì sera”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.