Apple e Google si uniscono per tracciare spostamenti di tutti i dispositivi mobili

0

Le aziende Apple e Google consentiranno alle applicazioni pandemiche di ogni governo di raggiungere i telefoni grazie agli aggiornamenti del sistema operativo

Apple e Google hanno annunciato un’alleanza senza precedenti per facilitare una delle grandi sfide che il mondo deve affrontare dopo la quarantena : come controllare la curva degli infetti mentre la popolazione vive una vita più o meno normale. 

L’opzione tecnologica più ovvia sarebbe quella di creare un’app per sapere se siamo stati esposti al virus, in base alle informazioni raccolte dai nostri telefoni su chi siamo stati. In questo modo, se qualcuno risulta positivo al coronavirus, è molto utile essere in grado di avvisare i loro contatti recenti in modo che possano essere messi in quarantena e controllare la diffusione del virus.

 Il caso di Singapore è stato citato come un grande successo , ma la sua popolazione è tornata in quarantena perché l’applicazione che il paese asiatico ha utilizzato non ha raggiunto il 20% dei download tra la popolazione e le infezioni hanno continuato a crescere. La soluzione ora offerta da Apple e Google è potenzialmente radicale. Con la collaborazione dei governi, potrebbero inviare app da paesi che desiderano utilizzare questo protocollo a tutti i cellulari aggiornando il sistema operativo. Entrambe le società sono responsabili di questo sistema nel 99% degli smartphone del pianeta.

In questo modo, gli utenti non dovrebbero accedere all’App Store o al Play Store, gli app store dei sistemi iOS e Android, per cercare e scaricare attivamente qualsiasi cosa. Un’app su Covid-19 apparirà sul loro cellulare dopo un aggiornamento per avvisarli di possibili infezioni. L’utente dovrebbe accettare logicamente, ma le persone non dovrebbero sapere che esiste un’applicazione e che dovrebbero cercarla e scaricarla. Né i governi dovrebbero “costringere” a scaricarlo: semplicemente “apparirebbe” al telefono.

Questo sistema consentirebbe di spostarsi in tutto il mondo perché ci sarebbe un unico protocollo globale. È importante capire che né Google né Apple realizzerebbero le app. Il tuo compito sarebbe creare la piattaforma. Ogni paese avrà il suo modello, che utilizzi o meno questo protocollo.

Questo sistema, secondo l’annuncio delle società, sarebbe disponibile nei “prossimi mesi”. Prima, a maggio, avrebbero offerto un sistema temporaneo che avrebbe funzionato con un’app disponibile nei loro negozi . Il sistema “quasi universale” dovrà attendere.

Per ora, ci sono più domande che risposte. Ma questi sono alcuni di quelli a cui puoi rispondere o indicare una risposta plausibile

1. Come funzionerà?

Con Bluetooth. Né GPS né antenne mobili. I nostri cellulari parleranno quando si trovano nelle vicinanze durante i minuti in cui potrebbe esserci una possibilità di contagio (non semplicemente quando si attraversa la strada) e si scambieranno un codice. Andremo tutti in fondo alla strada con due elenchi: “Codici che ho inviato” e “Codici che ho ricevuto”. Quando qualcuno viene infettato, il suo elenco di “codici che ho inviato” verrà caricato su un server. I nostri cellulari chiederanno a quel server se tra i codici che “abbiamo ricevuto” ci sono quelli che sono infetti. Finché non c’è partita, possiamo condurre una vita normale. Quando è presente, verrà lanciato un avviso e verrà decretata una quarantena o ciò che ciascuna autorità decide.

Apple e Google si uniscono per tracciare spostamenti di tutti i dispositivi mobili
Apple e Google si uniscono per tracciare spostamenti di tutti i dispositivi mobili

I vantaggi di lavorare a livello di sistema operativo sono la garanzia dell’interoperabilità del protocollo globale, la riduzione del consumo della batteria e che, quando arriva, l’app sarà su tutti i cellulari.

2. Sono obbligato a farlo?

È presto per dirlo con certezza. Gli utenti sapranno in linea di principio con trasparenza e chiarezza che l’app o l’interfaccia di tracciamento li raggiunge. Possono accettarlo o meno. Ma sappiamo già cosa sono questi permessi e come vengono generalmente accettati senza riflettere. Quindi per ora non sarebbe obbligatorio (affatto).

3. Che dire della privacy?

Ciò richiede un salto di fiducia. Google insiste sul fatto che la privacy è al centro del suo design. Ma mette un protocollo che permetterà di costruire app o interfacce sviluppate da centinaia di attori in dozzine di paesi. Ad esempio, non sarà necessario conoscere la posizione di ciascun utente. Non importa se il cellulare di un utente vede una persona infetta al cinema o sull’autobus. Ma le app nazionali potrebbero chiedere che la posizione venga attivata, ad esempio, per sapere se il focus del contagio potrebbe essere in un mezzo di trasporto pubblico? Sembra di si. Lo stesso potrebbe accadere con l’identità dell’utente.

La grande differenza qui sarebbe se l’avviso di contagio si verificava solo sul cellulare di ciascun utente e ognuno agiva di conseguenza a tale annuncio. O, al contrario, se un’autorità superiore controllava quei contatti, inviava gli avvisi e le azioni imposte. Un’autorità che potrebbe anche chiedere posizione e altro.

Domande più difficili: gli utenti saranno in grado di disabilitare il bluetooth in determinati momenti? Dovrebbero essere in grado. Saranno in grado di decidere in quali giorni inviare le informazioni al server quando sono infetti e in quali giorni non lo fanno? Sembra complicato Ci sono molti dubbi che possono diventare parte della nostra vita quotidiana nei prossimi mesi.

Le aziende hanno collaborato con un progetto europeo chiamato PEPP (sistema di monitoraggio della prossimità che preserva la privacy paneuropea). Il progetto è decollato in sole due settimane. All’interno del PEPP, che è un ombrello di protocolli, ci sono progetti essenzialmente decentralizzati, come DP3T, e che anche i governi potrebbero adottare.

4. Che dire dei governi?

Saranno la chiave. Ogni autorità competente deciderà il livello di intrusione della propria app. La grande differenza è il ruolo delle autorità nell’allertare, rintracciare o controllare le infezioni e le epidemie. Gli epidemiologi o i decisori pubblici possono valutare il livello di ingerenza nella società di cui hanno bisogno per controllare la pandemia: alcuni dicono forse totale, come in Cina. Altri sono meno severi e ritengono che avere una maggioranza di cittadini che controllano i loro contatti sarebbe sufficiente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.