Afghanistan: Presidente in fuga dopo l’ arrivo dei Talebani

0

Afghanistan: Ghani lascia il paese dopo l’arrivo dei Talebani

Dopo un’offensiva lampo, l’Afghanistan è di nuovo nelle mani dei talebani. Le milizie fondamentaliste controllano ormai tutto il paese e la capitale Kabul davanti alla quale hanno rallentato l’offensiva per evitare una battaglia che, in ogni caso, sono certi di vincere una volta che i 5.000 soldati statunitensi schierati da Joe Biden si ritireranno dopo aver evacuato tutto il personale americano e i collaboratori della campagna che la NATO mantiene da più di 20 anni nel paese asiatico.

Il portavoce degli insorti Zabihullah Muhayid ha spiegato sui social media che tutte le parti del paese erano ora sotto il controllo dell’Emirato Islamico. Per tutta la domenica, il processo di transizione è stato negoziato per essere completato “in sicurezza”, secondo lo stesso portavoce.

La partenza del presidente Ashraf Ghani dal paese, nota ore dopo, incarna l’immagine di un governo in disintegrazione, un giorno dopo aver insistito sulla “rimobilitazione” delle sue forze per fermare un’avanzata talebana che si è dimostrata inarrestabile da quando hanno lanciato i loro attacchi lo scorso maggio, in coincidenza con l’inizio del ritiro delle truppe USA e degli alleati.

“Gli afghani non devono preoccuparsi. Non ci sarà nessun attacco alla città di Kabul”, ha detto ieri il ministro degli interni Abdul Sattar Mirzakwal. “Ci sarà un trasferimento pacifico del potere a un governo di transizione”, ha aggiunto

A guidare questi negoziati sarà l’ex vicepresidente Abdullah Abdullah, che è anche a capo del Consiglio superiore per la riconciliazione nazionale.

Nessuna ritorsione

Il portavoce dei talebani, Suhail Shaheen, ha dichiarato che non ci sarà alcuna ritorsione contro il nemico. “Non ci saranno rischi per i diplomatici, per le ONG, insomma per nessuno. Tutti devono continuare il loro lavoro come hanno fatto in passato. Non gli sarà fatto del male, devono rimanere, ha detto. “Assicuriamo che non ci sarà nessuna vendetta contro nessuno”. Che sia vero o no, l’esodo dal paese continua tra i timori di rappresaglie per coloro che si sono opposti al regime teocratico.

Afghanistan talebani

I ribelli fondamentalisti hanno apparentemente cambiato la loro strategia nel tentativo di evitare gli errori di 20 anni fa, quando il loro radicalismo li ha portati a scontrarsi con una coalizione internazionale che li ha estromessi dal potere dopo un’alleanza con i signori della guerra e i capi tribali dell’Afghanistan multietnico. Ciò che sembra chiaro è che, dopo vent’anni di missione internazionale, il paese è tornato al punto di partenza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.