Dormio: il guanto del MIT che può indurre sogni lucidi e manipolarli


il guanto del MIT può indurre sogni lucidi





Un guanto battezzato Dormio potrebbe realizzare i nostri sogni. L'industria pubblicitaria ha scoperto il mercato dei sogni lucidi: presto gli cederemo i più intimi recessi del nostro inconscio?





Adam Horowitz ha costruito un guanto con cui i sogni possono essere influenzati. Una persona può essere indotta a sognare un albero, un ponte o una tigre.





Il principio su cui funziona il guanto di Horowitz è semplice: misura la tensione muscolare, la conduttività della pelle e la frequenza cardiaca, e può quindi tracciare lo stato di transito tra veglia e sonno. In questa fase, il pensiero logico scivola in un mondo allucinatorio, ed è proprio qui che diventiamo particolarmente suscettibili all'influenza.





Non appena il guanto registra il passaggio di una persona dalla veglia al sonno, un'app collegata ad esso suona una traccia audio preregistrata, per esempio, con la frase: "Pensa a un albero". Molti dei volontari dell'esperimento hanno poi riferito di aver sognato esattamente un albero. L'obiettivo è quello di utilizzare il dispositivo, chiamato Dormio, per promuovere le allucinazioni ipnagogiche, cioè uno stato di sogno semi-lucido in cui si inizia a sognare prima di cadere completamente incosciente.





L'idea di Horowitz si adatta perfettamente al profilo di lavoro del Media Lab del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che si è posto l'obiettivo di sviluppare tecnologie futuristiche e recluta "persone con le idee più folli". Lì, per esempio, l'Aspen Movie Map, il predecessore dell'attuale Google Street View, è stato creato molto prima che Google concepisse un tale prodotto.





Con la sua invenzione, Adam Horowitz vuole raggiungere uno stato d'animo che di solito è nascosto alla nostra coscienza. Altri ricercatori sperano di ottenere una migliore comprensione del cervello durante il sonno, per generare più creatività o per fornire un trattamento migliore per le persone con incubi o disturbi dell'umore: si tratta di ingegneri di sogni.





La cassetta degli attrezzi degli ingegneri dei sogni è meno complessa di quanto si possa pensare: mentre l'odore delle rose può innescare sogni positivi, l'odore delle uova marce produce prevedibilmente il contrario. Diversi profumi possono riattivare certi ricordi nel sogno, in modo da influenzare la memoria. Altri ricercatori usano la realtà virtuale, per esempio, per permettere alle persone di volare nei loro sogni.





L'azienda produttrice di birra sogna la birra





Anche la società di birra Molson Coors pensa che influenzare i sogni sia una grande idea. Tuttavia, non è riuscito a convincere Horowitz di una partnership di marketing, così ha assunto invece la professoressa di psicologia Deirdre Barrett.





Dormio: il guanto del MIT che può indurre sogni lucidi e manipolarli
Dormio: il guanto del MIT che può indurre sogni lucidi e manipolarli




All'inizio degli anni '90, Barrett ha studiato come i problemi quotidiani possono essere integrati nei sogni, in modo che possano essere risolti letteralmente nel nostro sonno. Per fare questo, ha fatto riflettere i suoi studenti per una settimana prima di andare a letto su un problema che li preoccupava. Un terzo degli studenti è riuscito a trovare una soluzione oggettivamente comprensibile.





Con il consiglio di Barrett, Molson Coors ha creato una pubblicità video che l'azienda ha rilasciato in concomitanza con il Super Bowl. Il video rappresentava una scena da sogno con cascate, vento in montagna e, naturalmente, birra Coors.





L'azienda ha messo il video a disposizione delle 18 persone, tra cui 12 attori professionisti, che lo hanno guardato poco prima di cadere tra le braccia di Morpheus. Cinque di loro hanno poi riferito di aver sognato una birra.





I ricercatori di sogni sono andati su tutte le furie. Improvvisamente, il confine tra l'ingegneria dei sogni e l'hacking dell'inconscio era diventato troppo stretto.





I ricercatori chiedono regolamenti sull'interferenza dei sogni
"Non ci impegneremo nell'ingegneria dei sogni a meno che le persone non lo richiedano specificamente e acconsentano a sognare", Horowitz, insieme a due colleghi, ha formulato nella loro Etica dell'ingegneria dei sogni, pubblicata online con leggere modifiche e firmata da 38 ricercatori di sogni.





"È una linea sottile", dice Antonio Zadra, co-firmatario e ricercatore del sonno e dei sogni all'Università di Montreal, e co-autore del libro When Brains Dream. "Se già mi viene qualche idea improvvisata su come influenzare i sogni, i marketer ben pagati possono elaborare strategie molto più efficaci.





Gli studi dimostrano che gli stimoli esterni presentati durante il sonno possono anche influenzare il nostro comportamento da svegli. Dopo un pisolino, i soggetti hanno scelto più spesso la merenda il cui nome è stato suonato loro durante il sonno. Quando ai soggetti addormentati è stato presentato il fumo di sigaretta insieme all'odore di uova marce, hanno successivamente fumato meno.





Notevolmente, i soggetti addormentati non potevano ricordare il loro condizionamento. Tuttavia, lo stesso esperimento con soggetti svegli non ha funzionato. "È spaventoso", dice Antonio Zadra, dicendo che la sua più grande preoccupazione è che le nostre credenze e comportamenti possono essere manipolati senza che ce ne rendiamo conto.





Paura della cospirazione dei sogni: è solo allarmismo?





Paura della cospirazione dei sogni: è solo allarmismo?





Per Michael Schredl, un ricercatore del sonno presso l'Istituto Centrale per la Salute Mentale di Mannheim, la "Lettera dei 38" suona più come una manovra di marketing che una preoccupazione legittima. Dall'influenzare alla manipolazione è una lunga strada, e la questione viene gonfiata al momento, dice. Mentre è possibile incorporare stimoli esterni nei sogni, "quello che non si può fare è dirigere il contenuto dei sogni in una direzione particolare".





Il cervello addormentato non è più suggestionabile del cervello sveglio, come sostiene spesso Adam Horowitz. Inoltre, durante il sonno non si acquisiscono nuove conoscenze, ma si consolidano quelle esistenti: le persone che hanno fatto ascoltare loro delle cassette durante la notte per imparare le lingue straniere hanno effettivamente acquisito migliori competenze linguistiche il giorno dopo. "Ma solo se non potevano dormire a causa del nastro", dice Schredl.





Deirdre Barrett si difende anche dall'accusa di influenzare l'inconscio. Dopo tutto, chiunque può addormentarsi con la televisione o la radio accesa e sentire accidentalmente la pubblicità. "Non la descriverei esattamente come una pubblicità subliminale ad alta tecnologia".





Horowitz ha detto che, nel frattempo, circa 10 aziende famose lo hanno contattato, da compagnie aeree e interior designer a imprese high-tech, che vogliono investire nella tecnologia dei sogni nei prossimi tre anni.





La domanda è: chi permetterebbe agli estranei di accedere al loro mondo dei sogni, al loro inconscio? Il trentadue per cento delle 500 persone intervistate dall'American Marketing Association ha rifiutato la pubblicità subliminale. Il trentotto per cento non ha avuto problemi ad accettarlo.





Forse non è necessario accettarlo. "È facile immaginare un mondo in cui gli altoparlanti intelligenti diventano da un giorno all'altro strumenti di pubblicità inconscia, con o senza l'approvazione delle persone", avvertono gli esperti.





Se tali altoparlanti fossero collegati a un orologio da polso per il monitoraggio del sonno, potrebbero emettere suoni proprio quando siamo più ricettivi agli stimoli esterni. Ma Michael Schredle dice che tali tracker non sono ancora stati sufficientemente sviluppati. L'importante non è, secondo Antonio Zadra, il successo dei metodi commerciali per influenzare il sonno. Invece, dovremmo chiarire già oggi se vogliamo una cosa del genere.





"Potrei sembrare un allarmista", concorda Adam Horowitz. "Ma è meglio pensarci ora, prima che sia troppo tardi", avverte, perché la tecnologia del sonno è appena iniziata.





Di Essere Informati


FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia