L'albero "Imperatrice" cresce in tempi record e può produrre fino a 4 volte più ossigeno degli altri


Che gli alberi svolgano una funzione essenziale per il benessere del nostro clima e del nostro Pianeta è una cosa che sappiamo fin da quando siamo piccoli. È grazie a questi elementi naturali che l'aria che ogni giorno respiriamo può essere filtrata da tutte le sostanze inquinanti che contiene.  





Per questo, la loro presenza nei nostri ecosistemi è da preservare e garantire: sono i migliori alleati naturali per diminuire la CO2 e depurare l'aria. Fra le moltissime specie di alberi che possiamo trovare sulla Terra, ce ne sono alcuni che riescono ad assolvere questa funzione vitale meglio di altri. Queste piante hanno delle capacità "filtranti" così avanzate da risultare fondamentali in qualsiasi ambiente.





albero imperatore
albero imperatore




Uno di essi, nello specifico, è quasi un "super-albero", che presenta delle caratteristiche interessanti sotto molti punti di vista. In particolare, riuscirebbe ad assorbire anidride carbonica fino a dieci volte in più rispetto agli altri. Vediamo di che albero si tratta.





Kiri, conosciuto anche col nome scientifico di Paulownia tomentosa o "Albero imperatrice",
è balzato agli onori delle cronache proprio per le sue incredibili
proprietà. Si tratta di un albero di origini orientali (Cina e
Giappone), importato in Occidente a partire dal 1800 circa e usato
diffusamente come pianta ornamentale, sia negli spazi privati che nei
luoghi verdi pubblici.





La sua struttura lignea è particolarmente forte ma flessibile
allo stesso tempo, tanto da essere stato spesso impiegato nella
produzione di mobili, componenti edilizi, ma anche di oggetti e
strumenti musicali. Un'altra sua caratteristica peculiare è anche la rapidissima crescita.





Nel giro di soli tre anni, infatti, la Paulownia riesce a raggiungere il suo massimo livello di sviluppo, e può arrivare fino a quasi 20 metri di altezza. A questo proposito, nel 2011 ha vinto il Guinness World Record come "albero dalla crescita più veloce". E non depura al meglio soltanto l'aria. La Paulownia è anche in grado di "ripulire" il terreno in cui viene piantato e intercettare moltissime polveri grossolane.





Se si mettono in relazione le sue dimensioni, la velocità di crescita
e le capacità depurative del Kiri, è chiaro che tutto ciò ha fatto sì
che questo albero sia divenuto quasi un simbolo della lotta contro il cambiamento climatico e il riscaldamento globale. 





La sua ampia e folta chioma, in primavera, si riempie di meravigliosi fiori
rosa o lilla che lo rendono apprezzabile anche dal punto di vista
estetico, quindi molto adatto all'ornamento degli ambienti. Tutto questo
sempre ricordando che, trattandosi di una specie di albero invasiva e legata a precisi ambiti geografici (alloctona), il Kiri va piantato tenendo sempre conto del contesto dove crescerà.





Una pianta ricca di qualità e aspetti essenziali per la nostra sopravvivenza, dunque: il Kiri è davvero uno splendido regalo della natura di cui tutti dovremmo beneficiare!


FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia