Il giaguaro è sull’ orlo dell’ estinzione a causa degli incendi in Amazzonia


Gli incendi in Amazzonia continuano. In Bolivia, il fuoco ha spazzato centinaia di migliaia di ettari e diverse specie animali sono in pericolo di estinzione, tra i quali il giaguaro.





Gli incendi boschivi che affliggono la regione amazzonica della
Bolivia non danno tregua da settimane e alcuni esperti non si
preoccupano più solo della stabilità dell’ecosistema, ma anche della
sopravvivenza delle specie locali. Giaguari, puma, tucani, parabas e
altri piccoli mammiferi potrebbero avere i giorni contati a causa di
questi incendi fuori controllo.





Amazzonia: la fauna sopravvissuta agli incendi è destinata a morire





La
piccola fauna che è riuscita a sopravvivere in questi luoghi è
praticamente destinata a morire , perché ha esaurito l’acqua e non c’è
cibo ne ci sono prede per molte decine di chilometri
“, ha dichiarato Iván Arnold, il direttore esecutivo della Nature, Land and Life Foundation (Nativa).





Le autorità boliviane hanno riferito che 1,8 milioni di ettari sono stati colpiti dagli incendi. D’altra parte, alcune organizzazioni ambientaliste hanno stimato che i territori colpiti dagli incendi superano i due milioni di ettari. L’incendio ha colpito varie riserve nelle vicinanze dei comuni di Roboré, San Ignacio de Velasco, Concepción, San Matías, Chiquitania e Charagua.





Le specie animali più colpite dagli incendi in Amazzonia





I maiali sono tra gli animali più colpiti. Inoltre, gli incendi hanno ucciso migliaia di esemplari di uccelli. Altre specie, come giaguari e formichieri, sono in grado di sfuggire al rischio immediato, ma sono anche a rischio mortale se non riescono a trovare un’area per bere acqua.
Molte specie locali subiscono un rischio aggiuntivo, poiché erano in
pericolo di estinzione anche prima degli incendi . Il giaguaro, in
particolare, è ancora più vulnerabile perché non ha zaino e deve
spostarsi in luoghi dove possa facilmente accedere al cibo. Potrebbe
migrare nelle vicine aree urbane dove c’è bestiame, ma in tali territori
sarebbe considerato una minaccia per l’uomo e potrebbe essere ancora
più pericoloso.





Gli uccelli come il tucano, i parabas o gli ara invece, potrebbero migrare verso le città a seguito della distruzione del loro habitat naturale, ma una volta arrivati nelle zone urbane potrebbero non trovare più cibo.


FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia