"Hitler non si suicidò. Dopo la guerra andò a vivere in Sudamerica. Parola di un agente di intelligence



"Hitler non si suicidò. Dopo la guerra andò a vivere in Sudamerica. Parola di un agente di intelligence

Hitler non si sarebbe suicidato nel suo bunker, come è scritto in tutti i libri di storia, ma sarebbe sopravvissuto alla seconda guerra mondiale e nel dopoguerra sarebbe andato a vivere in Sud America. E' ciò che emerge da uno dei file desecretati dalla Cia e custoditi dagli Archivi Nazionali Usa. Inoltre a metà deglianni '50 sarebbe stato contattato in Colombia da un informatore dei servizi segreti americani.

A rivelarlo è un agente di intelligence in Sud America, dal nome in codice Cimleody-3. L'agente in questione sarebbe stato contattato da un amico che gli avrebbe detto che nel 1955 un ex ufficiale tedesco, Phillip Citroen, avrebbe confessato in via confidenziale che Hitler era ancora vivo. A sostenere la tesi ci sarebbe anche una fotografia, arrivata nelle mani sempre dell'agente segreto e contenuta nel file desecretato. Nella didascalia c'è scritto: "Adolf Schrittelmayor, Tunga, Colombia, America del Sud, 1954". Nella foto con il führer c'è una persona: dovrebbe essere Citroen.

[caption id="attachment_1375" align="alignnone" width="701"] "Hitler non si suicidò. Dopo la guerra andò a vivere in Sudamerica. Parola di un agente di intelligence[/caption]

Se venisse confermato quando contenuto nel documento si andrebbe completamente a riscrivere la storia. Dalla fine della guerra infatti si crede che Hitler sia morto nel suo bunker insieme alla sua amante, Eva Braun, che aveva sposato il giorno prima. Per anni i sovietici hanno sostenuto di essere in possesso dei resti di Hitler. Nel 2009 però uno scienziato americano, Nick Bellantoni, aveva studiato il frammento di teschio in possesso dei russi e secondo lui si trattava di una donna tra i 20 e i 40 anni e non di Hitler.

FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia