Torino, studenti bruciano manichini con le maschere di Salvini e Di Maio

Torino, studenti bruciano manichini con le maschere di Salvini e Di Maio


Manichini raffiguranti i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono stati bruciati davanti alla prefettura di Torino durante il corteo degli studenti che stanno manifestando nel capoluogo piemontese, come in altre città italiane.

Inoltre, sui lampioni di piazza sono state affisse alcune foto imbrattate di vernice rossa. Davanti al Miur e’ stata anche bruciata una telecamera di cartone appoggiata su alcuni mattoni per protesta contro il decreto scuole sicure.

“Questi ‘democratici’ studenti, coccolati dai centri sociali e da qualche professore,avrebbero bisogno di molte ore di educazione civica” ha commentato il ministro dell’Interno su Twitter. “Forse capirebbero che bruciare in piazza il manichino di Salvini, e di chiunque altro, o appenderne ai lampioni le immagini è una cosa schifosa


Luigi Di Maio, rivolto agli studenti, dice: 'Le manifestazioni vanno fatte'. "Ci sono ragazzi che stanno manifestando, per prima cosa vediamoci, le porte del ministero sono aperte, parliamo. Costruiamo insieme una nuova scuola", afferma Di Maio sottolineando: "Andate avanti,  ho fatto il rappresentante degli studenti per cinque anni, so bene quale è il valore di una pressione sociale pacifica. Ma non è vero che tagliamo a scuole e università. Vediamoci per un confronto".



FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia