Mauritia, il continente perduto sul fondo dell’Oceano Indiano

Si chiama Mauritia, lo hanno nominato così, il continente perduto e ritrovato che, secondo gli scienziati, si trova sul fondo dell’Oceano Indiano, sotto le isole Reunion e Mauritius.
A scoprirlo è stato il team internazionale coordinato dal norvegese Trond Torsvik, dell’università di Oslo e che comprende scienziati provenienti da Norvegia, Germania e Gran Bretagna. Secondo i ricercatori si tratterebbe di un continente sommerso da masse di lava: sarebbe un frammento delle placche continentali di Madagascar e India, risalente a 60 milioni di anni fa.
Gli scienziati hanno scoperto il “nuovo” continente Mauritia partendo dall’analisi della composizione della sabbia dell’isola di Mauritius, infatti, tra gli elementi che costituiscono la spiaggia, ci sono degli zirconi che, secondo i ricercatori, deriverebbero dal “micro- continente” Mauritia e che avrebbero raggiunto la costa dell’isola di Mauritius a seguito della recente attività vulcanica.
Gli scienziati avrebbero poi dimostrato che, anomalie gravitazionali presenti in alcune isole quali Madagascar, Mauritius, Seychelles, Maldive, sarebbero giustificate dal fatto che questi territori erano attaccati all’India fino a 90 milioni di anni fa e che si sarebbero poi separate circa 60 milioni di anni fa.

Condividi su Google Plus

About Redazione

    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento

loading...