Fisico Vladimir: esiste un codice alieno nei nostri geni


I ricercatori ritengono che la risposta alla domanda se siamo soli nell’universo potrebbe essere nascosta nel nostro codice genetico. Questi sostengono che le cellule del nostro corpo nascondano messaggi alieni. Il fisico Vladimir I. Shcherbak dell’Università Nazionale al-Farabi Kazakh National del Kazakhstan
e l’astrobiologo Maxim A. Makukov dell’Istituto Astrofisicodi Fesenkvo si riferiscono a questo concetto come “SETI biologico”. E un messaggio di matematica e semantica che non può essere spiegato con cause naturali, ha inoltre riferito la rivista “Icarus”.
I due studiosi ipotizzano che un segnale intelligente potrebbe essere incorporato nel nostro codice genetico attraverso un messaggio matematico e semantico non  coerente con l’evoluzione darwiniana

Questi affermano che il codice genetico “è una corrispondenza flessibile tra codoni (triplette di nucleotidi sull’RNA) e aminoacidi, e questa flessibilità permette la modifica artificiale del codice” . Tuttavia,  hanno sottolineato che una volta
fissato, “il codice rimane invariato attraverso scale temporali cosmologiche”. Sostengono che il genoma umano presenta anche un ordine accurato e preciso nella mappatura tra il nucleotide e aminoacidi del DNA e le disposizioni del codice rivelano una serie di modelli aritmetici simbologici e ideografici.” Gli scienziati sottolineano che questi modelli sono come “il prodotto di una precisa logica di un computer avanzato, piuttosto che di processi stocastici” . Concludono che “qualunque sia la vera ragione dietro il sistema decimale, il codice sembra essere stato inventato al di fuori del sistema solare diversi miliardi di anni fa “.
Questo tipo di “segni intelligenti” sarebbe il timbro indelebile di una civiltà aliena che ci ha preceduto molti milioni o miliardi di anni. L’impronta biologica sul genoma umano, sarebbe l’eredità di questa remota civiltà della Via Lattea.
Makukov  sembra sostenere la teoria della panspermia , l’ipotesi che la vita sulla Terra è stata seminata dallo spazio. Ma c’è qualche altra prova a sostegno delle conclusioni dei due astrofisici? Sì!
“Stranger” nel nostro materiale DNA
La ricerca pubblicata sulla rivista Nature nel 2012 , diretto da Robert Gifford, un virologo presso il Centro Ricerche Aaron Diamante AIDS, e John Coffin, virologo presso la Tufts University School of Medicine di Boston, rivela che tutti gli esseri umani potrebbero essere molto meno intelligenti. Lo studio spiega che nel genoma umano ci sono parti di un virus, in particolare il Bornavirus, portatore  di morte a cavalli e pecore. Sembra che circa  2 milioni di anni fa, questo virus ha messo un po ‘del suo  materiale genetico nel nostro DNA, ed è stato dimostrato che questo tipo di RNA del virus può agire come un retrovirus (come l’HIV ) ed essere integrato come ospite dei nostri geni . Questa ricerca può aiutarci a comprendere meglio la nostra evoluzione,  rivelando come oggi il mondo è il risultato di un interferenza di un virus contenuto in ognuno di noi. secondo Robert Grifford sembra che fino all’8% del nostro genoma potrebbe ospitare materiale genetico del virus.
Bornavirus
In uno studio parallelo, ricercatori giapponesi affermano che questa “infezione preistorica” potrebbe essere una fonte di mutazioni umane, soprattutto nei nostri neuroni. Ma cosa succederebbe se in Invece di un “infezione” fosse il “marchio” suggerito da Shcherbak e Makukov? Questa teoria affascinante, se confermata, sosterrebbe la tesi dell’antico astronauta, secondo la quale, in tempi antichi, alcuni stranieri avrebbero visitato la Terra, e contribuito all’evoluzione e allo sviluppo della civiltà umana nel nostro pianeta. Se fosse così, l’umanità scoprirebbe non solo che non è l’unica specie che vive nell’universo, ma sarebbe anche parte di una vera famiglia cosmica universale…Anche se la domanda rimane sempre la stessa:
chi ha progettato il progettatore ?
Condividi su Google Plus

About Redazione

    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento

loading...